Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Sicilia: Telejonica (e Reteotto) in liquidazione. Video di commiato dei giornalisti online
 
Quando chiude una redazione, soprattutto se ha quasi 40 anni di attività, la realtà nella quale ha operato perde un pezzo, importante, di storia. Si perde una parte della coscienza di quella comunità, attenta e critica, animata da passione autentica e professionalità. È il caso di Telejonica, che da oggi non sarà più una protagonista dell’informazione in Sicilia”.
Lo afferma Daniele Lo Porto, segretario provinciale di Assostampa Catania. “Da cittadini, prima ancora che da colleghi – aggiunge Lo Porto – ringraziamo i giornalisti che in questi anni, e fino all’ultimo giorno, hanno dato dimostrazione di professionalità e attaccamento all’azienda, di attenzione e rispetto verso i loro telespettatori, di sapere fare informazione senza pregiudizi e con equilibrio. Di saper fare giornalismo, insomma. Aspetto non certo secondario, la chiusura provoca la perdita di 14 posti di lavoro, con modesti ammortizzatori sociali, in una fase nella quale è difficile trovare altre collocazioni. Al direttore Valeria Maglia, alla redazione, ai tecnici e al personale amministrativo – sottolinea – va la solidarietà, sincera, alimentata anche da affetto personale, della segreteria provinciale dell’Assostampa Catania, il sindacato unitario dei giornalisti italiani. Una solidarietà che, purtroppo, parte della città, delle istituzioni, e delle persone che le rappresentano, hanno dimenticato di manifestare”. “È inevitabile sottolineare come un’altra azienda editoriale della famiglia Ciancio segni un’altra tappa dolorosa, dopo i pesanti tagli al personale tecnico di Telecolor e Antenna Sicilia – conclude Danielo Lo Porto – e alla perdita dei collaboratori con contratti a termine, molti dei quali con rapporti di lavoro di svariati anni. Un ulteriore arretramento del livello e della qualità dell’informazione prodotta”. Nel frattempo i lavoratori del gruppo Telejonica s.p.a. (editore il commercialista catanese Orlando Branca, già amministratore di Telecolor dei Mario Ciancio Sanfilippo), cui fa riferimento oltre alla rete omonima anche Telesicilia Color - Reteotto, hanno pubblicato su Youtube un lungo video di commiato. Dopo 38 anni di attività e tre di contratti di solidarietà si chiude un'altra importante avventura televisiva locale italiana. Ignote al momento possibili destinazioni dei diritti d'uso delle frequen<e DTT e dei logical channel number, la cui alienazione sarà curata dal liquidatore. (E.G. per NL)
02/03/2015 16:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.