Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Toscana: morto Stefano Poli, editore di Italia 7

Stefano Poli, tra i più importanti imprenditori del settore tv locale nel centro-nord Italia con Italia 7 (frutto di un'esperienza iniziata a Firenze nel 1976 con Tele 37 e poi evolutasi con Rete 37, Tvs, Tgt24, il canale Gastone Nencini ed altre tv) si è spento improvvisamente nella giornata di ieri, 2 novembre, a Punta Ala (Grosseto) in Maremma, a soli 63 anni a causa di un malore improvviso.
Domenica sera aveva avvertito un primo malore, ma era sembrata una cosa passeggera, ma non passava, e ieri mattina il figlio Gabriele lo ha accompagnato a Siena, all’ospedale le Scotte. I medici hanno disposto altri esami. Ma di lì a poco il cuore lo ha tradito. Alle 20 di ieri sera, in diretta, la notizia ai telespettatori:sSul video è comparso il vicedirettore di Italia 7 Vittorio Betti, affiancato dal collega Mario Tenerani. Trattenendo a stento la commozione, Betti ha annunciato il gravissimo lutto che stravolgeva il normale palinsesto della rete. Sospesa immediatamente la trasmissione sportiva, dopo mezz’ora è andata in onda l’edizione straordinaria del telegiornale: "Un grave lutto ha colpito la nostra redazione. È morto Stefano Poli. Un nome che rappresenta la storia dei pionieri delle emittenti private. — ha detto in diretta Betti — È un vuoto terribile dopo 35 anni di battaglie condotte assieme, col sorriso sulle labbra: quello di Stefano. L’informazione va avanti, ma dopo questa morte tutto sarà diverso. Ci uniamo al dolore della moglie Isabella D’Antono (direttrice della rete, ndr)". (R.R. per NL)
03/11/2015 17:24
 
NOTIZIE CORRELATE
Salvatore Scaravilli, uno dei volti più conosciuti di Tvr Teleitalia, la televisione regionale toscana di Prato, è morto all'età di 77 anni il 2 scorso a Firenze.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle graduatorie per il rilascio dei diritti d’uso di frequenze attribuite a livello internazionale all’Italia - c.d. frequenze coordinate - non assegnate ad operatori di rete nazionali per il servizio televisivo digitale terrestre, a conclusione delle procedure avviate con i bandi pubblicati il 02/05/2016.
Il Tribunale di Pisa ha omologato i concordati preventivi presentati da Publiaudio srl e Radio Valdera srl, carrier di importanti contenuti radiofonici (prevalentemente della Mediahit srl, titolare dei format e dei marchi associati).
L'estate vede nascere a sorpresa (visto il momento di crisi) nuove emittenti radiotelevisive locali in FM e sul DTT. Sul lato radiofonico, sull'appennino bolognese è nata Radio Fresh, con sede a Castiglione dei Pepoli.
Con avviso pubblico del 16 marzo 2016 del Ministero dello Sviluppo Economico è stato dato avvio alla procedura per l’attribuzione temporanea dei diritti d’uso agli operatori di rete, costituti in società consortili, per il servizio radiofonico digitale nelle provincie di Firenze, Arezzo, Pistoia, Prato, Siena, L’Aquila, Cagliari, Nuoro, Ogliastra, Carbonia-Iglesias.