Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Veneto: a rischio di chiusura Canale 68
Canale 68, sede a Spagnago di Cornedo, proprietà della famiglia Barbieri, particolarmente seguita in tutto l’Alto e l’Ovest Vicentino a breve dovrà rilasciare le frequenze precedentemente assentite, a seguito dell'assegnazione delle stesse (ch 61/69 UHF, cd. dividendo esterno) ai provider telefonici per lo sviluppo dell'Internet senza fili.
Ora è alla ricerca di capacità trasmissiva da network provider locali attraverso la quale poter veicolare i propri programmi. Ma servono soldi. Per continuare l’attività i 10 dipendenti fra giornalisti, tecnici e cameramen, diretti da Matteo Carollo hanno lanciato un appello: "Cerchiamo un imprenditore che possa aiutarci ad affittare una nuova frequenza che sia visibile nel territorio vicentino: per noi è necessario individuare chi possa affittare il ramo d’azienda o lo possa acquistare, consentendoci di continuare le trasmissioni a favore di tutti i cittadini del Veneto. L’affitto costa in media 120 mila euro l’anno. La speranza è quella di proseguire la nostra attività". La proprietà a nome di Luca Barbieri figlio di Claudio fondatore della tv ribadisce: "Dobbiamo fare in modo che la nostra tv non si spenga non solo perché ci dà lavoro ma perché consente di non diminuire ulteriormente la pluralità dell'informazione a Vicenza e nel Vicentino. Nessuna illusione ancora ma abbiamo potuto constatare di persona quello che il professionista che ha curato i rapporti con il possibile investitore ci aveva assicurato: il gruppo è certamente in grado di effettuare gli investimenti necessari ed è sembrato intenzionato alla trattativa, pur non nascondendoci, tutti insieme, le difficoltà legate ai tempi stretti e al momento economico attuale che non prevede budget incoraggianti per il mondo pubblicitario". (R.R. per NL)
08/11/2012 08:10
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.