Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Veneto: Antenna Tre Nordest ha deciso di chiudere le sedi di Trieste e Belluno
Antenna Tre Nordest ha deciso di chiudere le sedi di Trieste e Belluno. Nessun esubero, l'operazione sarebbe stata decisa semplicemente in un'ottica di riduzione dei costi.
La decisione, diffusa da Assostampa FVG, è stata comunicata il 22 gennaio a tutti i lavoratori e sarebbe stata assunta nell'ottica di un'ottimizzazione delle risorse disponibili e prevede l'attualizzazione per fine febbraio. I lavoratori della sede di Trieste (cinque in tutto) verranno trasferiti in quella di Udine. Per quanto riguarda invece la base di Belluno, la sede verrà fisicamente chiusa. Sul territorio dovrebbe infatti rimanere infatti a disposizione un telecineoperatore in telelavoro, mentre gli altri tre dipendenti dovrebbero essere trasferiti nella sede di San Biagio di Callalta. La volontà aziendale è stata comunicata dall'editore del gruppo Thomas Panto e dall'amministratore delegato dell'azienda, Antonino Barcella. "Oggi gran parte dei giornalisti e operatori di Antenna si trovano in cassa in deroga o stanno usufruendo di contratti di solidarietà", spiega il sindacato dei giornalisti. A giorni scadrà il termine ultimo per la presentazione delle offerte per l'acquisizione dello stabilimento dove opera Panto Finestre Srl e della vicina sede dell'emittente televisiva Antenna 3, a San Biagio. L'operazione è stata disposta dal curatore nell'ambito del fallimento della vecchia Panto spa. (E.G. per NL)
25/01/2015 09:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.