Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Lt Multimedia verso il concordato

Niente da fare per Lt Multimedia: la società di Valter La Tona, editore di Alice, Leonardo, Marcopolo e Nuvolari, s'avvia verso il concordato preventivo.
Ne dà conto il quotidiano “Italia Oggi”, richiamandosi alla delibera del 29/09/2015 approvata dal cda del gruppo, che anticipa la decisione di presentare la domanda per la procedura che consentirà di soddisfare nella maggiore misura possibile i creditori. D'altra parte, i conti parlano chiaro: nel 2014 Lt Multimedia aveva debiti per 25 mln di euro contro i 20,9 mln del precedente esercizio, a fronte di un fatturato di 4 mln di euro in discesa dai precedenti 6,4 mln. A inizio 2014, i canali di Lt Multimedia erano usciti dalla piattaforma Sky con un evento definito nel bilancio della società «traumatico». (M.L. per NL)

06/11/2015 12:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).