Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Mediobanca, è Premium il cancro di Mediaset

Premium è il motivo del rosso di Mediaset: è questa la conclusione chiara che si evince dal rapporto Mediobanca sui prossimi anni che aspettano il Biscione; nel frattempo, l’affaire con Vivendi è ancora in attesa di ulteriori sviluppi.
Non lasciano spazio a interpretazioni, dunque, i numeri diffusi dagli analisti dell’istituto milanese: l’esercizio 2016 del gruppo Mediaset dovrebbe essersi chiuso con ricavi in aumento del 4,3% (3,68 mld) e un rosso per 27 mln; se si considera che la redditività delle attività in chiaro è sostanzialmente buona grazie alla ripresa della pubblicità e persino il business online non vada tanto male, si capisce come la zavorra sia proprio quella maledetta pay tv con i suoi 900 mln di euro di diritti per la Champions. Per il 2017, Mediobanca prevede che le attività in chiaro continuino a crescere e, affiancate con una riduzione dei costi, riescano a portare a fine anno utili per circa 88 mln con ricavi ancora in crescita, a quota 3,77 mld. Il colpo di scena, però, sono le previsioni per il 2018 quando, con la scadenza dei diritti per il calcio, i finanzieri stimano che, nel caso in cui il Biscione non si presenti alla nuova asta, Premium perda drasticamente abbonati, pesando sui ricavi del gruppo che ne uscirebbero ridotti a 3,52 mld circa ma facendo schizzare in alto gli utili a 200 mln circa: insomma, Premium non è un asset strategico, come troppo spesso è stato impropriamente dipinto, almeno stando a Mediobanca. Nel frattempo, è ancora in standby la situazione Vivendi: il parere Agcom riguardante la possibile violazione delle norme sui servizi di media audiovisivi e radiofonici è atteso fra aprile e giugno e, per il momento, si sa soltanto che un’eventuale opa di Vivendi non sarebbe ammissibile, impedendo, di fatto, ai francesi di superare la soglia del 30%. Nel frattempo, il 21 marzo, si terrà la prima udienza presso il Tribunale di Milano per la questione del contratto dal quale l’holding d’oltralpe si è tirata indietro la scorsa estate. (E.V. per NL)

09/02/2017 14:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.