Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Milano2015: Letizia Moratti sbarca sul DDT. Ma non convince
È iniziata ieri l’altro l'avventura televisiva di Milano2015, nuova emittente che trasmette, sul digitale terrestre (LCN 12) nel bouquet della lombarda Telenova.
In realtà, la neonata creatura, il cui nome richiama l’approssimarsi della data in cui Milano dovrebbe trasformarsi nel centro d’esposizione globale più importante del mondo, è, come detto, un fornitore di contenuti di Telenova (per ora attraverso il canale UHF 21 di Milano, ma non è escluso che possa essere veicolata anche attraverso altri network provider). In verità, al di là del nome di forte richiamo, Milano2015, secondo i detrattori, sarà poco più di un vettore promozionale per la prossima campagna elettorale dell’attuale primo cittadino, molto sensibile all’utilizzo dei nuovi veicoli di contenuti informativi, come aveva testimoniato il suo canale aperto qualche tempo fa su YouTube. La Moratti potrebbe con tale strumento indagare il suo gradimento all’interno della metropoli e “avvicinarsi” al cittadino, ponendosi in relazione virtuale con i suoi elettori. Al di là delle critiche negative, si tratta indubbiamente di una trovata comunicativa molto forte e innovativa, che ha certamente richiesto un forte esborso di denaro (per l'infrastruttura, i canoni di veicolazione e la produzione) ma che potrebbe dare i frutti sperati se la qualità dei contenuti fosse superiore a quella delle prime, svogliate, trasmissioni, che abbiamo potuto esaminare in queste poche ore di programmazione. Nel merito del format, il riferimento al 2015 è doppio: il primo, ovviamente, richiama l’anno dell’Expo, e vuol far passare il messaggio della Moratti come sindaco del fare, guida della Milano del fare, un po’ sulla falsariga di Berlusconi. Il secondo riferimento è quello alla scadenza del suo secondo mandato, qualora fosse confermata sindaco di Milano. La speranza, quindi, è che l'emittente non sia solo moratticentrica e che, effettivamente, possa contribuire a ravvivare il mercato limitato e un po' stanco dell'informazione televisiva locale milanese. La presenza di un presentatore di buon livello come Roberto Poletti (Antenna 3 e Telelombardia), che sarà affiancato nel suo lavoro da un team di giovani giornalisti, lascia qualche speranza. (G.C. per NL)
08/07/2010 06:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.