Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv mobile: grande unione tra i più noti broadcaster americani
Dodici broadcaster si sono uniti per poter fornire a tutti i cittadini americani contenuti volti alla creazione di un servizio nazionale di tv digitale mobile.
I nomi delle dodici società, tanto per soddisfare i più curiosi, sono Fox, Nbc, Raycom Media, Belo, E W Scripps, Gannet Broadcasting, Cox Media Group, Post Newsweek Station, Meredith, Media General, Lon Television e Hearst Television. E' già stata annunciata una joint venture tra questi operatori, che utilizzando le risorse radioelettriche delle associate permetterà ad esse di poter trasmetter su terminali mobili, ogni genere di video: dall'informativo allo sportivo, oltre che di intrattenimento, sia in diretta che on demand. Unendo lo spettro, si potrà così fornire a quasi 150 milioni di cittadini americani un’immensa quantità di contenuti, per la trasmissione dei quali verrà utilizzato l'ATsc-m/h, un apposito servizio creato e sviluppato dalla Advanced Television sytem committee appositamente per le periferiche portatili. Ci si troverà così davanti ad una forma di servizio, a detta delle associate, complementare alla National broadband initiative della Federal communication commission che permetterà una maggiore snellezza della banda larga mobile nazionale. Tale servizio fornirà inoltre l'opportunità di poter trasmettere in tempo reale sui sopracitati apparati mobili notizie relative alla pubblica sicurezza o alle emergenze, sia di carattere locale che nazionale. (P.T. per NL)
 
22/04/2010 07:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.