Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV. Montrone (Telenorba): Berlusconi ha ucciso le locali per favorire Mediaset. Monti le riaccenda senza aspettare oltre
«Prima di andar via, il governo Berlusconi ha avvelenato i pozzi, sferrando l'ultimo colpo mortale all'emittenza locale per tutelare la sua azienda: Mediaset».
E' quanto ha dichiarato nei giorni scorsi il presidente dell'associazione di emittenti locali ALPI (ente che associa emittenti del gruppo pugliese Tele Norba) Luca Montrone. L'impreditore barese, in particolare ha accusato il governo Berlusconi di aver perpretato una «dissennata politica frutto del conflitto di interesse», resa «lampante dall'analisi dei bilanci relativi al 2009 di 358 emittenti locali italiane». «Da questo studio emerge - ha spiegato alla stampa - quanto segue: i ricavi sono stati 448 milioni, mentre i costi di produzione sono stati 655 milioni con un saldo negativo di gestione pari a 217 milioni equivalente al 50% dei ricavi pubblicitari. È facile immaginare l'effetto negativo che si registrerà a fronte dei tagli operati sul fondo per l'emittenza, effettuati per giunta a bilanci 2010 già approvati». «Chiediamo - ha continuato il presidente dell'associazione - al nuovo ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, e al presidente del Consiglio, sen. Mario Monti, di porre rimedio a questa mortificante e sconcia politica dettata soltanto dal conflitto di interesse». «L'ultimo governo - ha chiosato Montrone - ha attuato miserabili azioni finalizzate allo spegnimento delle tv locali per favorire Mediaset, ignorando il danno provocato così alle piccole e medie imprese, private di mezzi di comunicazione locali sufficientemente forti per promuovere i propri prodotti, in un momento in cui sarebbe necessaria una spinta al consumo per rilanciare il sistema produttivo delle Pmi che rappresentano il 70,8% del Pil nazionale. Un beneficio, quello apportato dalle tv locali alle economie regionali, certificato da numerose tesi di laurea». Montrone ha poi spiegato quali a suo avviso sono state le azioni del governo Berlusconi che hanno particolarmente danneggiato le tv locali: «Il governo Berlusconi - ha affermato - ha nell'ordine: espropriato, senza prevedere adeguati risarcimenti, ben 9 frequenze alle tv locali mettendole all'asta e vendendole ai gestori dei telefonini, registrando un introito di 4 miliardi; ha assegnato gratuitamente a Rai e Mediaset ben 6 canali di qualità per un valore sul mercato di 3 miliardi; ha lasciato alle tv locali solo frequenze disturbate, violando la legge che prevedeva l'assegnazione di un terzo delle 27 frequenze di qualità» (ossia non soggette a interferenze di segnali esteri) all'emittenza locale assegnandole tutte alle reti nazionali; ha, infine, tagliato il fondo riservato alle tv locali, già sottostimato rispetto a quanto previsto dalla legge 422 del 1993, legge in vigore che il governo Berlusconi si è guardato bene dal rispettare e attuare”. Montrone ha in conclusione richiamato l'attenzione la situazione “di una Rai che pesa per un miliardo e 700 milioni sulle spalle dei cittadini che pagano il canone semplicemente per impedire alle reti del servizio pubblico di aumentare la raccolta pubblicitaria lasciando il mercato della pubblicità solo in mano a Mediaset”. (M.L. per NL)
 
21/11/2011 14:43
 
NOTIZIE CORRELATE
“Il settore della tv a pagamento si sta evolvendo rapidamente poiché l’interesse delle compagnie telefoniche per i contenuti premium sta aumentando quasi dappertutto.
Come prevedivile (e previsto) la legge di Stabilità ha calato la propria scure anche sui contributi alle emittenti locali, tagliati di 3.150.329 euro su base annua nel triennio 2015- 2017.
Nella seduta del 14 ottobre scorso, il Consiglio Regionale pugliese ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, indirizzato al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, al fine di sventare il rischio che i provvedimenti in essere a livello nazionale possano determinare la chiusura di tante ed importanti testate televisive pugliesi le cui conseguenze sarebbero disastrose sotto diversi aspetti, da quello della mancanza di pluralità dell’informazione sino all’azzeramento occupazionale dell’intero comparto.
“Aeranti-Corallo ritiene tali norme inaccettabili in quanto lo Stato Italiano, a fronte di proprie evidenti responsabilità politiche e legali sulla problematica avrebbe dovuto individuare soluzioni adeguate per tutelare la posizione di imprese che hanno realizzato investimenti e sviluppato occupazione confidando in assegnazioni frequenziali rimesse in discussione poco tempo dopo il relativo rilascio".
“Con le attuali regole in Europa che non prevedono la parità tra operatori tv e internet, il futuro non lo possiamo affrontare” ha fatto sapere Gina Nieri, consigliere di amministrazione del Biscione, durante il dibattito romano del 30 ottobre, dal titolo “La svolta digitale”.