Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Morto Fulvio Molinari, scrittore e giornalista del TGR RAI del FVG
Fulvio Molinari, scrittore, anima della Tgr Rai, per anni caporedattore della sede regionale del Friuli Venezia Giulia ed inviato speciale del Tg1 in giro nell’Europa dell’Est, in Austria, Germania e nei Balcani negli anni ’80 e ’90 è morto ieri sera 30 aprile a Trieste a 74 anni per un un tumore al fegato.
Nato ad Orsera nel 1937, lasciò l'Istria nel secondo dopoguerra facendoci spesso ritorno in barca a vela o con i ricordi e la macchina da scrivere che lo spinsero a pubblicare diversi volumi tra i quali “L’Istria contesa - La guerra, le foibe, l’esodo”, che ripercorre dettagliatamente le vicende che portarono all'annessione della penisola istriana alla Jugoslavia di Tito. Suo anche “L'isola del muto”, storia del pescatore dalmata che parla ai gabbiani e che sopravvive al gelo accendendo un fuoco, pescando e lottando per non cedere al sonno e alla morte. Lo ricordiamo nel corso degli anni '90 commentatore di 90° Minuto da Udine e Trieste. (R.R. per NL)
 
 
01/05/2011 15:21
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”