Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Mosca irritata da ipotesi UE emittente contropropaganda in russo per repubbliche ex sovietiche
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).
Abbiamo sempre preso una posizione positiva sulla liberta’ di parola. Ma i piani europei per creare una sorta di emittente di contro propaganda difficilmente possono corrispondere al concetto di liberta’ di parola”, ha osservato il viceministro degli Esteri russo, Alexiei Meshkov, citato da Itar-Tass. Secondo media russi, Gran Bretagna, Danimarca, Lituania, Lettonia ed Estonia hanno inviato una lettera all’alto rappresentante per gli Affari esteri e la sicurezza, Federica Mogherini, sollecitando la discussione di una tv in russo per la vasta comunità russofona esistente in Europa. In precedenza Edgar Rinkevics, capo della diplomazia della Lettonia, che eredita dall’Italia la presidenza di turno della Ue, aveva detto che l’Unione Europea stava considerando la possibilità di creare un nuovo canale tv in lingua russa, dedicato all’intrattenimento e a ”notizie molto precise”. Nei mesi scorsi il Cremlino ha potenziato la sua campagna mediatica all’estero lanciando Sputnik, un network internazionale in 30 lingue presentato come ”una voce alternativa all’Occidente” ma considerato da molti osservatori, in patria come fuori, come un ennesimo strumento di propaganda. (ANSA)
13/01/2015 09:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Prosegue spedita l’intenzione del Governo di indire un bando di gara europeo per l’affidamento dei servizi giornalistici e informativi della Presidenza del Consiglio alle agenzie di stampa.
Non ha avuto peli sulla lingua John Strand, analista per Strand Consult, nel commentare la nuova proposta avanzata dalla Commissione Europea sul roaming gratuito all’interno del vecchio continente, sostenendo come questa non riesca a “mettere insieme politiche per le telecomunicazioni che stimolano la crescita economica; riesce solo a imporre regole”.
La Commissione Europea ha presentato una nuova proposta per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming all’interno della Comunità entro giugno 2017, dopo aver scartato la precedente a causa delle diverse lamentele.
Dal 30 giugno 2017 chi utilizza il proprio cellulare in roaming nell’Unione Europea, potrà usufruire delle normali tariffe nazionali per almeno 90 giorni, consumando il traffico normalmente previsto dal proprio piano tariffario.
Nuovi guai per il più importante motore di ricerca sul web, Google. Dopo i procedimenti avviati in Europa ed India, segue ora quello della Russia.