Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Nuovo organigramma per Discovery Un general manager solo per l’Italia

Da ieri Discovery ha un nuovo organigramma. Marinella Soldi, che rimane president and managing Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Francia), sarà supportata nel mercato italiano dal general manager Alessandro Araimo, precedentemente chief operating officer di tutta l’area South Europe.
Giuliano Cipriani sarà general manager della concessionaria Discovery Media, Valeria Lodeserto invece, si concentrerà sul marketing. Riferiranno direttamente alla Soldi anche altri sei responsabili, tra cui Laura Carafoli, e Luca Nicoli per rafforzare la parte gestionale di un network che con il debutto di Crozza su Nove vuole confermare l'1,3% di share raggiunta a febbraio in prima serata. (M.R. per NL)

02/03/2017 14:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Nove Hd, la versione ad alta definizione del canale DTT di proprietà di Discovery Italia (ovviamente su LCN 9), dal 1° marzo sarà anche sulla piattaforma di Tivùsat, la tv satellitare che permette di vedere gratuitamente la programmazione del digitale terrestre.
Il 2016 di Discovery Communications si è chiuso con i ricavi a +2% (pari a 6,5 miliardi di dollari) rispetto all’anno precedente. Un risultato sopra le aspettative nonostante una raccolta pubblicitaria non brillante e un tasso di cambio che de facto ha abbassato di due punti percentuali la crescita degli introiti.
Alla fine l'operazione tra Discovery e Radio Italia si è concretata, anche se non della direzione della concessione per la vendita degli spazi pubblicitari dell'emittente di Volanti (che si è invece riaccasata da Manzoni - Gruppo L'Espresso) o addirittura di una cessione di quote societarie, come si era parlato dalla primavera 2016.
Discovery chiude il 2016 con una raccolta pubblicitaria pari a 200 milioni di euro, in crescita del 14% circa rispetto all’anno precedente.
Dopo l’acquisizione a giugno dei diritti televisivi europei (esclusa la Russia) per la trasmissione dei giochi olimpici dal 2018 al 2024, Discovery starebbe cercando di girare in sublicenza l’esclusiva ad altre reti.