Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv online: per Netflix è “anywhere” e “anytime”

Gli italiani sono pronti a entrare nel nuovo universo della fruizione dei contenuti: addio ai vincoli di orari di trasmissione e ai contratti annuali. Con Netflix la nuova frontiera sarà la libertà di scelta.
Nel suo carnet annovera film, documentari e serie tv già seguitissime negli States: tra pochissimi giorni anche gli italiani potranno finalmente mettere le mani sul tanto atteso servizio in streaming, scegliendo tra uno dei tre pacchetti disponibili. Il piano base, che partirà da 7,99 euro al mese, includerà una qualità di video standard, con una sola sessione streaming e velocità di tre megabit al secondo. Lo standard (disponibile per gli utenti a 9,99 euro al mese) prevedrà due sessioni di streaming e una velocità di cinque megabit al secondo; da ultimo il pacchetto più corposo, il premium, che permetterà con 11,99 euro mensili una visione in ultra Hd 4K, consentendo di attivare fino a quattro streaming contemporaneamente. Sottoscrivere l’abbonamento sarà un gioco da ragazzi, promettono dal quartier generale di Netflix: basterà infatti creare un account dal portale netflix.com, oppure dall’omonima app, inserire i dati e pagare i pacchetti con carta di credito o Paypal. Sarà inoltre possibile per i clienti acquistare carte prepagate presso i rivenditori autorizzati, tra i quali si annoverano GameStop, Unieuro, Esselunga, Mondadori, Mediaworld e Euronics. Se la filosofia del colosso americano è “anywhere and anytime” (ovunque e in qualunque momento), a ridosso della sbarco nello stivale, non si può omettere che soltanto il 22,3% del territorio italiano è raggiunto da banda ultralarga, rispetto alla media europea del 64%. In alcune regioni come il Trentino, la Valle d’Aosta e il Molise, infatti, la copertura è totalmente assente. È consigliabile, dunque, controllare e verificare il segnale prima di procedere alla sottoscrizione dell’abbonamento al servizio di web streaming. Nonostante questi grandi limiti, che per il momento paiono di non facile e immediata risoluzione, i responsabili Netflix scommettono e puntano in alto: a detta loro infatti i nuovi abbonati entro fine anno raggiungeranno quota 150 mila. Non resta che attendere una decina di giorni e vedere quale sarà la prima reazione degli italiani. (V.R. per NL)

13/10/2015 06:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.
I giganti dello streaming on demand puntano ad aumentare le produzioni originali, una scelta che fino ad oggi si è rivelata vincente dal punto di vista commerciale.
Netflix apre la porta ai download: i contenuti presenti sul portale di streaming a pagamento di Los Gatos, infatti, saranno ora scaricabili attraverso l’applicazione disponibile per IOS e Android.
La maggior parte delle persone forse conosce Netflix grazie a “Narcos” o “Orange is the new black”, le serie tv che hanno spopolato in diversi paesi tra cui l’Italia ma, soprattutto, grazie al suo servizio SVOD (Subscription Video On Demand) che è il più diffuso al mondo, ma in origine l’azienda di Reed Hastings faceva altro.
Netflix e Disney sono prossime al matrimonio: questo, almeno, è quanto sostengono insistenti voci del settore per ora non confermate, un matrimonio fra la più grande piattaforma di streaming al mondo e lo storico produttore di contenuti.