Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, per RAI, Mediaset e H3G una frequenza in piu' con nuovo Codice. Pronto, intanto, il Decreto che supera il beauty contest
Rai, Mediaset e H3G potranno trasformare le frequenze Dvbh, acquistate per i videofonini, in Dvbt, cioe' in frequenze utilizzabili per il digitale terrestre.
A dare questa opportunita', secondo operatori e tecnici sentiti da Radiocor, e' il nuovo codice delle Comunicazioni approvato dal Governo venerdi' in prima lettura col Decreto legislativo che attua la direttiva Ue 140 del 2009. Il principio generale inserito nel Codice che consente la trasformazione delle frequenze e' quello della neutralita' tecnologica contenuto nell'articolo 9, comma primo del decreto legislativo, che ora passa al vaglio del Parlamento per il parere. All'articolo 12, inoltre, si descrive l'opportunita', fino al 25 maggio 2016, di chiedere la conversione delle frequenze ad Autorita' delle comunicazioni e Ministero. Non si tratta di un'assegnazione automatica, ma e' un'opportunita' in piu' per gli incumbent televisivi, che aspettano proprio in questi giorni la decisione del Governo sulle frequenze che avrebbero dovuto essere assegnate col beauty contest, ora sospeso. E' pronto, come risulta a Radiocor, il decreto legge che supera il "concorso di bellezza" con assegnazione gratuita sulla quale puntava il Governo Berlusconi. Le frequenze da assegnare saranno divise in due pacchetti: uno destinato agli operatori televisivi, l'altro assegnato sempre alle televisioni, ma per tre anni, e poi sara' ceduto agli operatori di telecomunicazioni. Quanto alla conversione del DVB-H, la richiesta era gia' stata avanzata da H3G prima della messa a punto del nuovo Codice. L'Agcom in quel caso aveva dato una risposta prudente e interlocutoria non concedendo la conversione, in attesa degli sviluppi del beauty contest. (Radicor)
 
 
13/04/2012 06:45
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).