Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Prima Pagina cambia volto: durata doppia e nuovi conduttori per l’informazione del Tg5
 
Dopo 22 anni, l’appuntamento mattutino con le news di Canale5 si rinnova: da lunedì 3 novembre lo spazio dei notiziari passerà da 4 minuti e mezzo a 7 minuti e mezzo ed è già pronta una nuova schiera di conduttori.
Prima Pagina è nato nel 1992, quando abbiamo cominciato col Tg5, ed era già stato testato su La Cinq – ha raccontato il direttore Clemente J. Mimun -. Si dice che l’idea fosse dello stesso Berlusconi. Ed era un’idea geniale: un prodotto che ti informa e che nello stesso tempo è non solo televisivo, ma anche radiofonico, perché si può ascoltare mentre ci si prepara, si fa colazione. Oggi internet è esploso, i siti dei giornali sono molto aggiornati al mattino presto e la ricerca della completezza e della tempestività in tv è ancora più importante. Per questo senza rivoluzionare il modo sereno di dare le notizie che ha accompagnato milioni di italiani, cambiamo con l’uso della diretta e il raddoppio dei minuti. Ma si cambia perché va bene, non perché va male”. All’interno della programmazione della rete ammiraglia del gruppo Mediaset, la fascia di Prima Pagina durerà dalle 6 alle 8 e terrà compagnia ai telespettatori con notiziari e rubriche che vedranno l’alternarsi di un “vivaio” di conduttori composto da Alberto Duval, Francesca Pozzi, Veronica Gervaso e Francesco Vecchi – quest’ultimi entrambi in arrivo da Tgcom24 -. Alle 8 seguirà la consueta e storica edizione del Tg5 di 30 minuti condotta da Barbara Pedri, Domitilla Savignoni, Cristina Bianchino e Susanna Galeazzi. Con l’ingresso di Savignoni e Galeazzi, usciranno Paolo Trombin e Gianluigi Gualtieri: “Trombin ci sarà sempre perché seguirà l’economia e la borsa, Gualtieri invece è caporedattore. Ma non ho mai pensato – aggiunge Mimun – che i conduttori fossero determinanti per un tg, ciò che conta è il prodotto collettivo. Se il tg ha brutti servizi o collegamenti il lavoro del conduttore non basta”. Per quel che concerne i contenuti, oltre alle notizie in studio, Prima Pagina sarà integrata anche da collegamenti per seguire il fatto di cronaca del giorno, oppure la politica: “potremo avere anche interviste, l’intento è di provare a indirizzare in qualche modo la giornata politica, con interventi che possono essere oggetto di reazioni”. Al momento sul fronte degli ascolti, la fascia mattutina di Canale5 si difende egregiamente: basti considerare che a settembre ha registrato il 18.58% di share, mentre Rai 1 si è fermata al 18.19%. “In generale comunque io non mi fascio la testa per gli ascolti – fa sapere il direttore -; quello che mi interessa è che Mediaset parta con un notiziario robusto e che se la veda con tutti, dalle all news, alla rete ammiraglia. E penso che non ci sia momento migliore per cambiare di quando si va bene. Però quello che conta è radunare il massimo numero di telespettatori su Canale 5 fin dalla mattina presto”. (V.R. per NL)
 
31/10/2014 10:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.