Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. PubblicitĂ . Arriva la profilazione degli utenti anche su free to air e smart tv

Anche la tv in chiaro ha un futuro in termini di addressable advertising come le satellitari o, almeno, questo è quanto traspare dalle dichiarazioni di Stefano Sala, a.d. di Publitalia, fatte nel corso del convegno “Accelerare x competere x crescere” che ha avuto luogo a Capri.
Insomma Mediaset si prepara a seguire l’operato di Sky che ha già annunciato di stare lavorando ad AdSmart, il progetto che consentirà di offrire ai clienti spot mirati sulla base della loro posizione geografica, in modo da evolvere il mercato pubblicitario televisivo per colmare le lacune che oggi presenta rispetto al web. Il Biscione, conta di muoversi nella stessa direzione anche “sulla televisione free grazie al nuovo protocollo (Hbbtv) attivo al partire dal 2017”. Così com’era stato in occasione dell’annuncio di Sky, tuttavia, le informazioni rimangono ancora molto vaghe, limitandosi alla promessa che sarà possibile “dare audience profilata anche sulla televisione free” e che non vi saranno violazioni della privacy, visto che sarà l’utente a consentire l’utilizzo dei propri dati. Va detto anche che, la sola appartenenza geografica, non rappresenta un parametro così influente in termini di profilazione ma, senza dubbio, è un inizio. Da sottolineare come non siano soltanto le televisioni ad aver fiutato la nuova possibilità: Samsung ha infatti fatto sapere che inizierà a erogare campagne pubblicitarie addressable attraverso le sue smart tv, 50 milioni di apparecchi in tutto il mondo. (E.V. per NL)
09/10/2016 09:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.