Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, pubblicità. Buoni riscontri: +7,8%. Sky +21,1%, Rai +10,1%, Mediaset +3,8%, La7 +2,3%

I dati parlano chiaro: la tv mostra sintomi di ottima salute. Il mezzo chiude infatti il primo semestre dell’anno con una raccolta pubblicitaria pari a oltre 2 mld di euro, in aumento del 7,8% rispetto al periodo omologo dell’anno precedente.
Da sottolineare l’incremento segnato dal mezzo televisivo nel mese di giugno (si parla di un rilevante +17,8%) con la complicità degli europei di calcio. Dirette beneficiarie sono state proprio Rai e Sky, le due emittenti che hanno trasmesso le partite in diretta. Per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria, Rai registra un incremento del 41% portando il totale del semestre a 454 mln di euro (+10,1%), mentre la piattaforma satellitare fa un salto dell’82,8% rispetto allo stesso mese del 2015, totalizzando 267,3 mln di euro nella prima metà dell’anno (su del 21,1%). Mediaset tiene nel singolo mese (+0,3%) e segna un +3,8% nel periodo gennaio-giugno raggiungendo 1,14 mld di euro, così come La7 a +1,8% a giugno e +2,3% (a 83,9 mln di euro) nel semestre. Procede col segno positivo l’andamento di Discovery, che chiude giugno con la raccolta pubblicitaria in incremento dell’8,2% e i sei mesi a 114,7 mln di euro (+17,4%). (S.F. per NL)
05/08/2016 07:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.