Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, pubblicità. Finalmente inversione di segno: agosto in positivo per tutti i player

Finalmente anche la raccolta pubblicitaria televisiva inverte il segno e si allinea al trend positivo registrato dalla radio ormai da un anno a questa parte.
Nel mese di agosto, la pubblicità tv ha fatto un sensibile balzo in avanti, collocandosi a +10,8% rispetto al medesimo mese dello scorso anno, anche se il trand dei primi 8 mesi del 2015, rimane in territorio negativo (-2,7%), pur se in forte diminuzione e quindi in sostanziale recupero. Praticamente tutti i principali player hanno migliorato i dati: in testa c'è Sky Italia con un formidabile +29,2% (che paga però un -9,4% sul cumulato dall'inizio anno, pari a 239 mln di euro), seguita da Discovery a +26% (cumulato a +20,67% pari a 122 mln), Mtv a +13,7% (cumulato +14% = 42 mln),  a lunghissima distanza da RAI con +8% (il cumulato restituisce un -9,7%), Mediaset a +6,3% (-0,3% sul cumulato, pari a 1,260 mld di euro) e, fanalino di coda, La 7 con uno scarno +0,5%  (in decremento sul cumulato del 9,4%, a 87 mln di euro). (E.G. per NL)
20/10/2015 16:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.