Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, pubblicità. RAI in linea nel primo semestre, ma maggio cresce dell'8%. Piscopo: conta il costo contatto, non gli sconti

Bene per la pubblicità sulle reti pubbliche: il primo semestre dell’anno si è chiuso con una raccolta in linea con lo stesso periodo del 2014 (senza considerare l'effetto estemporaneo dei Mondiali di calcio 2014).
Tuttavia, il positivo riscontro ha avuto luogo grazie alle brillanti perfomance di maggio, che ha fatto registrare un incremento dell’8% sul medesimo mese del 2014, riequilibrando il semestre che altrimenti avrebbe avuto un segno negativo (seppur minimo). Le proiezioni danno in crescita anche giugno, escludendo il plusvalore di 25-30 mln di euro determinato dai mondiali brasiliani l'anno passato. Quanto ai contestati sconti effettuati dalla concessionaria pubblica, Fabrizio Piscopo, a.d. di RAI Pubblicità, ha dichiarato: "Quel che conta è il cost Grp e in base a stime Nielsen ottimizzate dall’ufficio marketing interno a Rai Pubblicità quello di Discovery sarebbe il più basso della pubblicità in Italia, mentre il più alto è quello di Sky". Linea di pensiero ribadita da Fabio Belli, cfo di Rai Pubblicità, secondo il quale, anche se la concessionaria avesse abbassato i prezzi, sarebbe impossibile ipotizzare un crollo dei listini di tutti gli altri player, posto che Rai ne controllerebbe solo il 5%. (E.G. per NL)
23/06/2015 10:08
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.