Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, pubblicità. Ricambio ai vertici delle concessionarie: Piscopo a Sipra e Sala a Publitalia
E' notizia di poche ore fa la nomina di Fabrizio Piscopo, che farà ingresso nel gruppo RAI con la carica di direttore generale della società per la raccolta pubblicitaria della tv pubblica, Sipra, che verrà confermata dal Cda Rai il 14 novembre prossimo.
Arduo sarà il compito dell’uscente senior vice president advertising sales di Sky Italia di risollevare le sorti della claudicante concessionaria captive. La raccolta pubblicitaria della Rai, sulla base dei dati Nielsen, ha subito un forte decremento (19.6%) nel primo semestre di quest’anno, nonostante la robusta manovra correttiva attuata dalla neo amministratrice delegata Lorenza Lei, nell’obbiettivo del pareggio (o addirittura dell’utile) di bilancio. Il manager invece, lascia una struttura, quella di Sky Advertising, in buona salute, che ha registrato una crescita a doppia cifra a fronte di un mercato televisivo in forte crisi, che nei primi otto mesi dell’anno in corso ha perso il 10.9%. Sarà merito anche del nuovo format del content provider sat, Like, dedicato ai brand del lusso che sta dando ottimi risultati in termini di clienti. Piscopo, alla guida dal 2003 della concessionaria italiana di Murdoch, grazie alle sue note capacità imprenditoriali, ha saputo strutturare sapientemente l’organismo interno, rendendolo, ora, in grado di proseguire autonomamente il proprio lavoro, così da spingere il “quasi” direttore ad affrontare una nuova ambiziosa sfida. Nel frattempo, a Publitalia, concessionaria del Gruppo Mediaset, approderà dal 1° gennaio 2013, Stefano Sala, nella veste di amministratore delegato commerciale, lasciando ufficialmente la guida di GroupM Italia, holding delle attività media del Gruppo Wpp. La nomina di Sala, esperto del settore con grandi competenze su tutti i mercati di riferimento, potrebbe rappresentare una mossa strategica per sortire i ricavi pubblicitari, anche se per il prossimo anno non sembrano attesi miglioramenti di rilievo. (V.V. per NL)
31/10/2012 17:56
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.