Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Sat: Eutelsat su pressione del governo turco oscura MedNuce Tv

MedNuce Tv (La voce della Mesopotamia), emittente belga-curda che ha sede legale in Molise ed è diretta da Antonio Ruggieri, è stata oscurata dall'operatore satellitare francese Eutelsat pare su pressione del governo turco.
Le trasmissioni, lanciate nel 2013, sono state sospese lunedì sera scorso. Eutelsat aveva già interrotto le trasmissioni della televisione curda Roj all'inizio del 2012. L'associazione della Stampa del Molise ha diramato il seguente comunicato: "La decisione di Eutelsat di oscurare la televisione Med Nuce su pressione del governo turco è inaccettabile in un paese civile e democratico. Le autorità italiane hanno il dovere di prendere posizione e difesa di un'emittente che ha sede legale nel nostro paese. L'Italia non può uniformarsi alla Turchia di Erdogan, che nega la libertà di stampa e di espressione". (R.R. per NL)

08/10/2016 06:06
 
NOTIZIE CORRELATE
La direzione di Sky Sport passa a Massimo Corcione, che coordinerà sia l’aspetto manageriale che la redazione giornalistica. Marani lascia la direzione del Guerin Sportivo e diventa vicedirettore.
Insight, un nuovo canale televisivo internazionale satellitare in formato Ultra HD prodotto da Tern (Television Entertainment Reality Network), è stato presentato nei giorni scorsi a Cannes nel corso del Mipcom, il più importante festival internazionale della televisione.
Giglio Group, il polo multimediale quotato sull'Aim Italia/Mercato Alternativo del Capitale (sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana), ha annunciato di avere acquisito il 100% di M-Three SatCom, società italiana che esercita attività di fornitura di servizi e soluzioni per il settore broadcast radiotelevisivo e che vanta tra i propri clienti i principali network televisivi e radiofonici italiani ed esteri.
Nessuna partita su piattaforme diverse da quelle di Premium, martellano gli spot autoreferenziali sull'offerta pay tv in onda sulle reti Mediaset, mentre altri avvisi on air ricordano che il 7 settembre Rete 4, Canale 5 e Italia 1 non saranno più sintonizzabili su bouquet satellitari diversi da Tivusat (modo più o meno elegante per dire che saranno oscurati su Sky).
Inversione di tendenza anche per la pay tv di Murdoch, che torna a crescere. Anche in Italia dove nei primi nove mesi dell'anno fiscale (dal primo luglio 2014 al 31 marzo 2015) Sky ha registrato un aumento degli abbonati (+12mila) e un miglioramento dell'utile operativo da 5 a 45 milioni di sterline: si tratta della miglior performance degli ultimi tre anni.