Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv sat: Tv 2000 licenzia il direttore Dino Boffo
Dino Boffo è stato rimosso dal suo incarico (iniziato il 18 ottobre 2010) alla direzione di Tv2000, il network televisivo di proprietà dalla Conferenza Episcopale Italiana.
La direzione ‘ad interim’ è stata affidata a monsignor Francesco Ceriotti, una figura storica per l’informazione ecclesiastica. Secondo quanto spiegato ai redattori della testata televisiva, con Boffo “sarebbe venuto meno il rapporto di fiducia con l’editore”, mentre la decisione sarebbe anche “maturata nell’ambito del nuovo riassetto in ambito Cei voluto da papa Francesco”. Secco l'ex direttore, che ha dichiarato di non avere "nulla da dire". Giovanni Traverso, presidente della Rete Blu spa, editore formale dell'emittente ha invece spiegato: "Non è una rimozione, ma una risoluzione del contratto resa necessaria per un riassetto fisiologico dell’emittente". (R.R. per NL)
 
16/02/2014 15:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Giglio Group (Aim Italia-Ticker GGTV), prima società di e-commerce 4.0, annuncia tre nuovi importanti accordi siglati a livello nazionale nell’ambito Broadcast &Telco, per il prossimo triennio.
Con lo sbarco in forze sul DTT in chiaro (dopo Cielo, Sky Tg 24 e Tv8), Sky ha deciso di potenziare la propria concessionaria di pubblicità, diversificando l'offerta pay satellitare da quella free del digitale terrestre.
Con lo sbarco di Netflix in Italia, la corsa per lo streaming entra nel vivo: si diramano e differenziano le modalità di visione, si moltiplica esponenzialmente l’offerta, si evolve addirittura la narrazione di quel che viene proposto sullo schermo, sia il grande pannello di salotto o il display dell’ultimo modello di smartphone.
Pubblicità in crescita per il programma sul logical channel number 28 del DTT, di proprietà della Conferenza Episcopale Italiana (Cei): con l’obiettivo dei 3 mln di euro, si punta ad abbattere il falso mito della “tv religiosa noiosa e soporifera”.
Il magnate egiziano Naguib Sawiris ha rilevato il 53% del capitale di Euronews attraverso la sottoscrizione di un aumento di capitale da 35 milioni di euro e ora punta su piattaforme digitali e promozione del brand.