Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Sky inverte la tendenza degli abbonamenti: + 30.000 utenti pay (sat)
 
Torna a crescere la pubblicità televisiva e inverte la tendenza anche la pay tv: Sky segna +30.000 utenti sat.
Nella prima semestrale del nuovo gruppo Sky (che comprende anche Sky Deutschland dopo l'acquisizione da parte di BskyB), il player pay sat ha registrato, nel periodo, 30mila nuovi abbonati, portandosi a quota 4,734 mln, target comunque comunque al di sotto dei 4,760 mln del 31 dicembre 2013. Rispetto al 2013 resta invariato l'Arpu (ricavi medi per abbonato), pari a 43 sterline, mentre il Churn (il tasso di abbandono) passa dal 13,1% al 10%. Crescono gli abbonati “connessi”, 1,4 mln a fine dicembre, così come il tasso di penetrazione dell'Hd, che raggiunge il 66% della base abbonati. Il servizio in mobilità SkyGo copre il 52% dei clienti. Secondo quanto riportato da Sky, negli ultimi sei mesi del 2014 Sky Italia ha registrato ricavi per 1,079 mld di sterline (circa 1,35 mld di euro). Tra il 12 novembre e il 31 dicembre 2014, cioè l'interregno del completamento dell'acquisizione, Sky Italia ha contribuito ai ricavi Sky per 286 mln di sterline e per un profitto operativo pari a 15 mln. Il contributo di Sky Deutschland è stato pari a 180 mln di sterline, più una perdita di 19 mln. Nel complesso, i ricavi Sky ammontano a 5,6mld di sterline, per un incremento del 5% rispetto allo stesso periodo 2013/2014; l'Ebidta è pari a 993 mln (+7%), per un risultato operativo di 675 mln (+16%). Il gruppo conta oggi 24,842 mln di clienti (da 23,649 mln) e sta puntando fortemente allo sviluppo nel comparto della DTT italiana come dimostra la definizione dell'acquisizione per 9 mln di euro del canale 27 da Class Editori per la collocazione free to air di Sky TG 24 e l'interessamento per altre numerazioni LCN. (E.G. per NL)
05/02/2015 08:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.