Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Sky Italia presenta la nuova offerta per le serie tv, e lancia Sky Q

Il nuovo servizio Box Sets consentirà di vedere più di 300 titoli. A breve il nuovo decoder My Sky Hd, con cui sfruttare il nuovo Sky Q, con contenuti sincronizzati su più device.
A partire da marzo, gli italiani abbonati a Sky potranno usufruire del nuovo servizio Sky Box Sets; l’offerta ospiterà al proprio interno le stagioni complete di oltre 300 serie tv. Tra qualche mese sarà inoltre disponibile la nuova versione del decoder My Sky Hd, con il quale si potranno sfruttare appieno le funzionalità di Sky Q. L'upgrade consentirà agli utenti di interrompere il contenuto che si sta guardando su un device, per poi riprendere da un altro (come è già possibile fare su Netflix), anche tramite l’apposita app per smartphone; inoltre sarà possibile registrare in background fino a quattro programmi. Entrambi i servizi sono già disponibili nel Regno Unito, dove gli abbonati interessati pagano 3 sterline (3,8 euro) al mese, aggiuntive al pacchetto preesistente, per Sky Box Sets. I costi di Sky Q, invece, entrano in un range che va dalle 42 alle 54 sterline al mese (53/68 euro). Si tratta di un forte investimento nel mercato delle serie tv, che in Italia gode di un pubblico vastissimo. Proprio di questo mercato si è occupato il settimanale inglese The Economist, che ha pubblicato un servizio sull’attuale situazione italiana. «Per 20 anni la tv è stata popolata di preti, santi, suore e bravi poliziotti» affermano i due sceneggiatori italiani Stefano Sardo e Ludovica Rampoldi, continuando «ci era stato detto che le audience andavano rassicurate, che bisognava dire che tutto era bello e che tutto andava bene». Il lancio del nuovo servizio Sky Box Sets sarà presentato a Milano il 23 febbraio e commercializzato a partire da marzo. (G.C. per NL)

15/02/2016 08:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.