Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Sms a 'Quelli che il calcio' per dare messaggi a boss mafiosi. Ipotesi da verificare. Magistratura indagherà
Utilizzare una trasmissione televisiva come 'Quelli che il calcio...' per mandare messaggi criptati ai boss mafiosi in carcere "puo' essere un modo per cercare di aggirare le restrizioni del 41 bis, il cosiddetto carcere duro, ma è solo un'ipotesi".
Lo ha detto all'ADNKRONOS il Procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso commentando la denuncia, in un'audizione alla Commissione antimafia nei mesi scorsi, dell'ex Procuratore aggiunto della Dna Enzo Macri', secondo cui i boss avrebbero fatto arrivare dei messaggi in codice ai capimafia in carcere, utilizzando i messaggini mandati durante tutta la trasmissione Rai, totalmente estranea alla vicenda. "In realtà - ha spiegato Grasso - abbiamo già fatto delle ricerche approfondite dopo l'allarme lanciato, ma fino ad oggi non sono stati individuati messaggi che possano fare pensare a indicazioni ai boss".Intanto l'avvocato Luigi Li Gotti, legale di tanti pentiti di mafia tra i quali Tommaso Buscetta, conversando con l'ADNKRONOS ritiene che impedire ai detenuti pericolosi la possibilita' di sintonizzarsi con le trasmissioni televisive che danno la possibilita' di inviare al pubblico degli sms poi trasmessi sullo schermo non sia la "limitazione di un diritto" ma un modo per scoraggiare le comunicazioni tra boss. Il legale dei pentiti spiega: "In effetti il carcere duro modula le ristrettezze cui sono sottoposti i detenuti una volta che sono finite le esigenze istruttorie. E le strisciate in video possono sicuramente essere un modo per fare arrivare messaggi dall'esterno ai detenuti". (Adnkronos)
20/08/2010 14:50
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.