Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Spagna: Telefonica scende in campo e mette gli occhi sulla maggioranza di Canal+
Ultimatum proclamato dal gruppo Prisa per l’acquisizione delle quote di maggioranza: tra 15 giorni il verdetto.
La partita per accaparrarsi le quote maggioranza di Canal+, la televisione a pagamento spagnola del gruppo editoriale Prisa, è aperta: Telefonica avrebbe dichiarato il suo interesse con un’offerta che la stampa spagnola indica in 900 milioni di euro. Nel merito, Prisa martedì sera avrebbe posto un ultimatum di 15 giorni ai due azionisti di minoranza: Telefonica appunto, e Mediaset España che posseggono ciascuna il 22% delle quote. Telefonica non vorrebbe cedere il passo a possibili acquirenti stranieri che nei mesi scorsi avevano mostrato interesse per Canal+: è il caso dell’americana Liberty Media Corporation, di Canal+ Francia e, in particolar modo, della tv del Qatar Al Jazeera, da tempo interessata al bacino del Mediterraneo (l'anno scorso si era parlato a lungo di un suo possibile sbarco anche in Italia attraverso l'acquisizione della ex Sportitalia). In Spagna da anni è in moto una corsa per l’acquisto dei diritti sportivi in tv, grazie ai brillanti risultati delle squadre calcistiche, dei piloti del MotoGp e del tennis. Per Telefonica sembrerebbe indispensabile offrire un pacchetto completo che spazi dalla voce alla tv, proprio in un momento in cui le compagnie telefoniche starebbero puntando ad entrare in campo anche come operatori televisivi (è il caso della British Telecom che ha acquisito i diritti della Premier League). Bisognerà dunque attendere un paio di settimane per stabilire il risultato della partita che finora vede in vantaggio la compagnia di telecomunicazioni spagnola. (V.R. per NL)
 
28/02/2014 14:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.