Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Sportitalia, bilancio 2015 positivo. Criscitiello: sappiamo cosa vogliono i nostri telespettatori

Per gli appassionati di sport, ma soprattutto di contrattazioni calcistiche, torna il calciomercato su Sportitalia: durante tutto il mese di gennaio il canale televisivo italiano interamente dedicato allo sport (disponibile in Italia sui canali 60 e 153 del dtt e sulla piattaforma Sky Italia, al canale 225) sarà interamente incentrato sull’analisi dei movimenti e operazioni di trasferimento dei calciatori da una società all’altra.
Michele Criscitiello, direttore di Sportitalia, esprime massima soddisfazione in merito al bilancio del 2015: “il 2 giugno abbiamo preso in mano anche la gestione manageriale del canale e avevamo promesso che avremmo portato avanti la politica dei piccoli passi. Così abbiamo fatto e così stiamo crescendo”. Durante l’ultima conferenza con il presidente Tarak Ben Ammar, finanziare tunisino che fondò l’emittente nel 2004, Criscitiello aveva indicato una strategia fondata sulle “3 P”: pochi puntuali e puliti. Secondo il direttore il canale sta procedendo esattamente nella direzione indicata. E poi quella frecciata, che di velato non ha niente, contro Auditel: “A chi mi chiedeva l'obiettivo dello share da raggiungere risposi: non saremo mai né vittime né schiavi di auditel; per noi è più importante il rapporto costi/fatturato che gli ascolti per poi raggiungere un fatturato”. Sportitalia, a detta di Criscitello, è un'azienda attenta alla gestione dei costi. Quanti ai ricavi, nel primo semestre del 2015 sono stati superiori del 66% rispetto al primo semestre 2014 e, secondo quanto previsto, anche nel secondo trimestre si potrebbe aver raggiunto un + 77% sul primo bilancio. Massima soddisfazione del direttore quanto al ritorno di Sportitalia sul canale 60, che potrebbe sicuramente apportare significativi aumenti di share: “Tornare sul 60, nel pacchetto sport, è come tornare a casa. Sono orgoglioso e soddisfatto. I sacrifici e il lavoro pagano sempre. Le scorciatoie mai. Siamo sul 225 di Sky e finora sul 153 del digitale, abbiamo avuto la forza di trascinare la gente su una numerazione fuori contesto. In un anno abbiamo raddoppiato la nostra reach. Tornare sul 60 è un incentivo per fare ancora meglio in futuro. Stiamo ottenendo grandi riscontri, abbiamo deciso di autoprodurci acquistando un'antenna e una regia mobile di proprietà che ci consente di produrre molti più eventi live a costi pressoché dimezzati”. E per il 2016 il direttore promette “altri progetti ambiziosi senza mai snaturare il canale ma ci saranno numerose novità per i nostri telespettatori. Conoscendo il mercato sappiamo dove vogliamo arrivare e sappiamo cosa vogliono i nostri telespettatori che da 11 anni seguono Sportitalia in chiaro”. (S.F. per NL)
06/01/2016 16:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).