Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, telecronista RAI aggredito alla fine della partita di basket Varese-Siena. Raisport: sicurezza, altrimenti telecronache da studio
È stato scortato da una dozzina di agenti della Polizia il telecronista della Rai Edi Dembinski al termine di gara 7 delle semifinali di pallacanestro tra Cimberio Varese e Montepaschi Siena, giocata ieri sera a Varese e conclusasi in un clima di grande tensione.
Dembinski è stato colpito con numerosi bicchieri di plastica e aggredito verbalmente con pesanti minacce da parte dei tifosi di Varese, circa mezz'ora dopo la fine della partita. Immediato l'intervento delle forze dell'ordine che lo hanno scortato fuori dal palazzetto di Masnago dalla Polizia che lo ha poi seguito anche in autostrada. Al giornalista sono arrivati numerosi attestati di solidarietà, a partire da quello della Rai che, visto «il pesante clima di intimidazione che accompagna il finale della stagione», in previsione della serie finale tra Roma e Siena «si riserva, in assenza di adeguate risposte e delle necessarie misure, di ricorrere all'uso delle telecronache 'off tubè da studio, denunciando sin da ora l'impossibilità di svolgere il proprio compito con serenità e sicurezza». In una nota, la direzione di Raisport «deplora e condanna la vile aggressione» subita da Dembinski e «invita Lega Basket e Federazione Italiana Pallacanestro, a mettere in atto tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza di tutti gli operatori, coinvolti a vario titolo, nella trasmissione in diretta sulle Reti Rai delle previste partite». Da parte sua, la Fip stigmatizza il comportamenti di «facinorosi che poco hanno a che fare con i veri sportivi e tifosi» e «condanna fermamente quanto accaduto e contemporaneamente esprime la certezza che il basket ha nel proprio Dna gli anticorpi per far si che gli ultimi episodi di violenza, con il contributo di tutti, rimangano isolati». Per la Lega Basket si tratta di «volgari teppisti» e si dice «sicura che il mondo del basket, che sta raggiungendo in questi playoff livelli di spettacolarità e di interesse mai visti da tempo, saprà prendere le distanze dai pochi violenti che rischiano di rovinarne la immagine di sport pulito, che accoglie nei suoi palasport famiglie e bambini e che vuole porsi come esempio di sport moderno e civile». (ANSA)
08/06/2013 19:08
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.