Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. T.I.Media. Stella: “Per La7 Auditel mente, va cambiato”
E’ da novembre che chiedo chiarimenti e non ho ancora risposte. Dopo tanti sassolini, e’ arrivata l’ora di tirare una grossa pietra per modificare il ventennale sistema di rilevazione dei dati di ascolto. Bisogna cambiare le regole, cosi’ non si va avanti”.
Lo afferma in un’intervista a Repubblica, Giovanni Stella, a.d. di T.I.Media, che controlla La7, parlando dell’Auditel, il sistema di rilevazione dei dati di ascolto che cosi’ comïe’ “non va. I nostri investitori e la Cairo Pubblicita’ dimostrano che in termini di ascolto valiamo di piu’: almeno il 5% di share. E questo share equivale alla effettiva raccolta fatta nel 2011 e allïinizio del 2012. Ecco perche’ gli inserzionisti continuano a investire su La7: 10 milioni in piu’ rispetto agli importi previsti nei primi tre mesi dell'anno. La7 viene misurata male dall'Auditel, mentre Rai e Mediaset, in maggioranza nel Cda, hanno un vantaggio strutturale. Non a caso anche Sky ha un contenzioso con Auditel”. Inoltre, “sono in cantiere altri programmi. Stiamo ragionando a un progetto con Cristina Parodi per un contenitore pomeridiano anche se ancora non abbiamo firmato il contratto”. Alla domanda come valuta i flop di La7, Stella risponde che “Era impensabile che proseguissimo con lo stesso trend di crescita del Tg di Mentana. In questi mesi sono cresciuti Lillli Gruber (8 e mezzo e’ al 5,4% di share) e Gad Lerner (L'infedele e’ al 4,4%), ma i programmi hanno bisogno di tempo per crescere. Soprattutto ora che non c'e’ piu’ Berlusconi. Non rimpiango Berlusconi. Ma certo la sua uscita di scena ha prodotto problemi sull'intrattenimento tv. Tutti siamo piu’ concentrati intorno ai problemi del Paese”, conclude. (MF-DJ)
07/04/2012 06:56
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Deliberato all'unanimità dal cda di Auditel il piano quinquennale che contempla, tra le altre cose, l’estensione della rilevazione dai televisori ai nuovi device e alle smart tv.
Tempi d’oro per Urbano Cairo e la sua La7, che godono dei risultati derivanti dall’aver scommesso sull’informazione e l’approfondimento politico nel disegnare il proprio palinsesto.