Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, torna la guerra fredda: CNN sospende le trasmissioni in Russia
 
Stop ai programmi della CNN in Russia: entro la fine dell'anno la Turner Broadcasting System Europe Limited sospenderà le trasmissioni in onda dal 1993.
La decisione, scrive la Turner, è stata presa per le novelle legislative introdotte dal governo di Mosca per i mezzi di comunicazione. Nel merito, dal 2009 Roskomnadzor, il regolatore locale del settore radiotelevisivo, ha iniziato ad esigere alle reti straniere licenze locali che la Cnn finora non ha ottenuto. Secca ed immediata la smentita governativa: "La decisione della Cnn non ha niente a che fare con Roskomnadzor", ha affermato un portavoce, secondo il quale il network statunitense può tranquillamente ottenere le licenze "se ottempera agli obblighi previsti dalla legge". La Cnn dovrebbe, in sostanza, realizzare una joint venture con un partner russo. Peraltro, appena un mese fa il presidente Vladimir Putin ha posto severe restrizioni sulla partecipazione straniere nelle telecomunicazioni, riducendole dal 50 al 20%. Turner "confida" comunque di tornare sul mercato russo delle telecomunicazioni nel prossimo futuro. (E.G. per NL)
12/11/2014 08:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Una nuova Cnn, brillante, accattivante, un nuovo canale tv fatto interamente di notizie e documentari rivolto agli under 35 (i cosiddetti “Millennial”) che non leggono i quotidiani cartacei né provano alcun interesse verso la tv tradizionale: è proprio questo l’obiettivo prefigurato da Shane Smith, il fondatore e leader di Vice Media, che lunedì 29 febbraio ha lanciato negli Stati Uniti la sua Viceland.
Great Big Story, il nuovo sito creato ad hoc per giovani e social, in 5 mesi ha già 9 milioni di utenti. È finanziato interamente da Cnn ma ne è indipendente: sul portale e sull’applicazione non compare nemmeno il marchio dell’emittente.
Nuovi guai per il più importante motore di ricerca sul web, Google. Dopo i procedimenti avviati in Europa ed India, segue ora quello della Russia.
Alcune tra le più importanti case editrici tedesche (chiamando a raccolta anche imprese svedesi, danesi e italiane) hanno chiesto al presidente russo Vladimir Putin di rinviare di un anno il divieto per gli stranieri, di possedere più del 20 per cento della proprietà di media russi.
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).