Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Twitter: acquista SnappyTv, l'app che consente a tutti di rieditare la televisione
Twitter si avvicina alla televisione, annunciando l'acquisto di SnappyTV, un'app che permette ai suoi utenti di filmare, editare e condividere parti di programmi tv pochi secondi dopo la loro messa in onda.
Snappy Tv, che è nata quattro anni fa a San Francisco, ha diffuso la notizia dell'accordo con l'ideatore del twitting telematico sul proprio blog, sostenendo che continuera' a restare indipendente e che l'intesa dara' al gruppo la possibilita' di crescere e di offrire prestazioni migliori ai propri utenti. Gia' da tempo Twitter e SnappyTv avevano stretto una collaborazione attraverso la quale gli iscritti alle due piattaforme potevano condividere spezzoni di video nel flusso di tweet. Oltre a questo la startup ha diversi clienti, tra i quali figurano Fox, il campionato di auto Nascar, gli U.S. Open. (E.G. per NL)
20/06/2014 09:22
 
NOTIZIE CORRELATE
Twitter fatica a volare. Il noto social network sta attraversando un periodo di crisi in quasi tutti i settori: crescita pubblicitaria, numero di iscritti e ricavi finanziari, infatti, non vanno per niente bene.
Continua la lotta contro le notizie false presenti sul web e questa volta è Twitter a fare notizia. La compagnia del famoso uccellino blu (nel 2013 il social network ha superato i 230 milioni di utenti attivi al mese) ha dichiarato che nei prossimi giorni darà il suo contributo nel contrastare il fenomeno, apportando serie modifiche al servizio.
Ottimi risvolti per Twitter Italia che ha quasi quadruplicato i ricavi nel 2015 rispetto all’anno precedente, passando da 1,1 a ben 3,9 mln di euro.
I social network costituiscono l’approdo per venire a conoscenza delle principali notizie del mondo: questi i dati emersi da un sondaggio del Pew Research Institute statunitense, che ha analizzato la situazione dell’ultimo biennio.
Il portale, nato nel 2008 con l’obiettivo di permettere ai musicisti emergenti di distribuire i loro brani musicali, pare piacere molto al social network dei cinguettii che potrebbe compiere l’acquisizione più costosa della sua storia.