Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, UK: la BBC per la prima volta nella sua storia chiuderà un canale
L'inglese BBC ha annunciato per la prima volta nella sua storia la chiusura di uno dei suoi otto canali nazionali: BBC3. Il canale dedicato ai giovani nato nel 2003 terminerà le trasmissioni nell’autunno del 2015, consentendo risparmi per circa 50 milioni di sterline l’anno, 30 dei quali saranno reinvestiti in produzioni tv su BBC1.
BBC3 sarà “reinventato come un nuovo ed innovativo servizio online” - ha annunciato il direttore generale Tony Hall. “Sono certo che questa è una decisione strategicamente giusta ed economicamente necessaria. È la prima volta nella storia della BBC - ha chiosato - che stiamo proponendo di chiudere un canale televisivo. Non posso escludere che sia l’ultima". (R.R. per NL).
22/03/2014 10:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.
La WPP, colosso nel campo pubblicitario, ha concluso il terzo trimestre dell’anno con una crescita del fatturato del 23,4% (per circa 4 miliardi di euro) in linea con i primi sei mesi del 2016.
Con la Brexit non si profilano solo conseguenze sulla finanza e le esportazioni: il Regno Unito rischia, infatti, di tagliare una corposa dose di fondi per uno dei suoi mercati più fiorenti, cioè quello audiovisivo.
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.