Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, USA: Charter Communications acquisisce Time Warner Cable e dà vita ad un nuovo colosso via cavo

Il gruppo statunitense Charter Communications, uno dei quattro giganti del settore della tv via cavo, del web ad alta velocità e della telefonia, di proprietà del magnate dei media John Malone, ha raggiunto un accordo per l’acquisto di Time Warner Cable per una cifra che si aggirerebbe intorno ai 55,3 miliardi di dollari.
Con questa operazione il nuovo colosso delle comunicazioni, con un bacino di clienti pari a 24 milioni di utenti, si pone secondo solo al leader del settore Comcast, che conta circa 27 milioni di abbonati. La sfida al gigante Comcast e ai protagonisti della tv via streaming come Netflix e Apple Tv è lanciata.(R.R. per NL)

29/05/2015 06:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Continua a far discutere la questione dell’acquisizione di Time Warner da parte di At&t, un’operazione da oltre 100 miliardi di dollari e che promette di unire insieme i milioni di utenti dell’operatore telco con i contenuti pregiati e famosi in tutto il mondo di Time Warner.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.