Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, USA. Grandi network in seria crisi: riassetti, tagli e riduzioni drastiche del personale
La crisi del mondo editoriale non fa sconti in nessuna parte del mondo. Anche negli Usa, dove il modello economico dei grossi network sembrava ormai consolidato da decenni, l’attuale crollo sta provocando una vera e propria strage e le prime vittime, com’era prevedibile che fosse, saranno i dipendenti.
Ad aprire la classifica dei “network Usa in crisi” troviamo Abc News, costretta a effettuare tagli sul personale fino al 25%, così riducendo l’organico di circa 400 dipendenti. Secondo David Westin, direttore del network, le produzioni televisive costano ormai troppo e non possono più ricevere il necessario sostentamento dagli investimenti pubblicitari ancora in calo dopo la fine del 2009. Segue Cbs che, pur limitando la riduzione di forza lavoro a 70 posti, chiuderà la sede di corrispondenza di Mosca. Quanto alle sedi di Washington, Londra e Los Angeles si è ritenuto indispensabile progettare riassetti determinanti che, anche in questo caso, potrebbero condurre a piccoli tagli sul personale. Chi resiste meglio è Nbc, ma solo grazie alla sua tv via cavo, Msnbc, che riesce a riassorbire le perdite della prima grazie alle buone performance che stanno determinando la continua e progressiva crescita della seconda. Qualunque sia la tipologia di crisi che sta colpendo ognuno dei network, è importante ricordare che negli States l’audience serale si è dimezzato, passando da 50milioni di spettatori a circa 22milioni. La differenza degli utenti preferisce altri medium (internet compreso), a confermare il fatto che qualcosa si è mosso anche Oltreoceano, ma sembra che i network qui citati non si siano preparati a sufficienza per fronteggiare l’attuale crisi e per trovare soluzioni immediate alle vertiginose perdite di ascoltatori. (Marco Menoncello per NL)
08/03/2010 16:31
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo del 15 marzo, pubblicato sul blog ufficiale di Viacom (Visual & Audio Communications - conglomerato di media statunitense con vari interessi in tutto il mondo nei canali televisivi satellitari e via cavo), si legge: “Insieme a Fox Networks Group e Turner siamo lieti di annunciare la nascita di OpenAP, la piattaforma avanzata di rilevazione audience nel settore televisivo”.
Il network americano Nbc ha acquistato il 25% di Euronews per 30 milioni di dollari. L’accordo ha avuto il via libera anche della Commissione Europea che finanzia il canale francese, il cui capitale è suddiviso tra 21 reti pubbliche tra le quali la stessa Rai.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
«In realtà come ci dicono i dati dell’Osservatorio Social Tv 2015 l’aumento dei device di accesso ai contenuti, e la conseguente affermazione di pratiche di fruizione timeshifting e placeshifting, stanno producendo un complessivo incremento del tempo dedicato alla visione».
Il rapporto Nielsen ci consegna un quadro molto chiaro nel mercato degli investimenti pubblicitari in Italia con una crescita relativa ai primi nove mesi dell’anno del 4,3% trainata principalmente da web e tv.