Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Vivendi interessata ad acquisire Sky. Più fonti confermano, ma player francesce smentisce

La francese Vivendi starebbe valutando una possibile acquisizione di Sky, come una delle numerose opzioni per l'espansione della propria controllata televisiva Canal Plus.
Lo riferisce l'agenzia Reuters, che richiama tre fonti vicine ai player. La notizia è stata accolta timidamente dai mercati finanziari, posto che in apertura di seduta alla Borsa di Londra il titolo Sky è salito del 3,3%, mentre Vivendi a Parigi si è mosso di poco, registrando una variazione con un +0,2%. Secondo una delle fonti, Vivendi avrebbe rivolto l'attenzione a Sky dopo aver valutato obiettivi più piccoli nel settore della pay-TV in Turchia e su altri mercati europei in rapida crescita. Sky ha attualmente un valore di mercato di 17,6 miliardi di sterline, circa 24,1 miliardi di euro, ma potrebbe costare a Vivendi fino a 28 miliardi di sterline includendo il debito, spiegano le fonti. Fondamentale per l'eventuale prosecuzione dell'operazione sarebbe, secondo le fonti, la posizione di Vincent Bolloré, presidente e maggiore azionista di Vivendi, che ha recentemente alzato la propria partecipazione nella conglomerata francese al 12% e che considera Canal Plus come parte del core business del gruppo. "Alla fine la cosa che determinerà l'operazione sarà Vincent Bolloré" spiega uno degli informatori della Reuters. Sky, che l'anno scorso ha assorbito la totalità di Sky Italia, è controllata col 39% dalla Twenty-First Century Fox di Rupert Murdoch. I portavoce di Vivendi, Sky e Bolloré non hanno commentato l'indiscrezione. (E.G. per NL)

09/04/2015 08:52
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.