Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv & Web. Netflix: la tv lineare vivrà solo grazie allo sport. Ma entro 20 anni tutto su internet
 
La tv nazionale lineare durerà ancora, poco, ma durerà grazie allo sport. Ma di sicuro sparirà nel giro di 20 anni, perché allora tutto sarà disponibile su internet. Canal Plus diventerà un media online”.
Così ha sentenziato Wilmot Reed Hastings, il produttore di Marseille la prima serie che Netflix ha realizzato per la Francia e che si preannuncia come una rivisitazione della amatissima House of Cards – Gli intrighi del potere, stavolta però in salsa tipicamente marsigliese. Certo è che le dichiarazioni, unite al timore dell’eccessiva espansione del gigante a stelle e strisce, che vanta un totale di 48 mln di utenti nel mondo in continuo aumento, danno molto da pensare all’emittente statale francese. Gli americani, che debutteranno nella patria di Hollande il 15 settembre, sono consapevoli di avere un forte appeal, dovuto al servizio e all’offerta di uno streaming on demand molto richiesto e per giunta disponibile a basso costo – con 7,99 euro mensili si potranno vedere serie tv e film senza limiti aggiungendo un solo euro si avrà diritto ai contenuti in hd nonché alla possibilità di fruire della produzione su due schermi – e fanno gioco-forza della possibilità di pagare le tasse negli stati in cui il carico fiscale è inferiore. Così come hanno fatto i giganti Google e Amazon, Netflix infatti ha collocato la sua sede fiscale Ue in Olanda e ha già rifiutato la richiesta dell’ex ministro della cultura e della comunicazione francese Aurélie Filippetti riguardante il pagamento delle tasse in Francia, al fine di contribuire al sostegno del sistema nazionale nel settore delle produzioni audiovisive e cinematografiche, come si legge in un articolo apparso questa mattina su ItaliaOggi. Hastings ha assicurato comunque che Netfix “Creerà lavoro in Francia”, dal momento che i piani societari non sembrano fermarsi soltanto allo streaming on demand, ma sono aperte le trattative di dialogo con i principali operatori tlc, da Orange a Free, per la creazione di un nuovo decoder. Come ricorderanno i nostri attenti lettori, per ora nessuna ipotesi all’orizzonte relativa a un imminente sbarco di Netflix in Italia: certo è che l’incessante diffusione a macchia d’olio del servizio potrebbe far ben sperare per il pubblico italiano. (V.R. per NL)
 
29/08/2014 13:39
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.