Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
UK. La banda larga superveloce entra nel dibattito elettorale inglese con Gordon Brown
La politica è sempre una bestia molto strana. Ci sono temi su cui destra e sinistra dichiarano di voler raggiungere gli stessi obiettivi: lo sviluppo della banda larga è uno di questi, ma solo a parole tutti sembrano intenzionati ad investire sulla banda larga.
La differenza tra destra e sinistra sta nella strada ipotizzata per arrivare a determinati risultati. In un sistema politico democratico queste differenze si vedono e sono da considerare più che rilevanti. A ricordarcelo è Gordon Brown (foto), che lunedì scorso ha riportato il tema dello sviluppo della banda larga superveloce al centro del dibattito elettorale, spiegando in cosa la sua visione differisca da quella di Cameron, il leader dei conservatori. In sintesi, mentre Cameron affiderebbe la costruzione della rete agli investimenti dei privati, Brown propone di reperire le risorse necessarie tramite una tassa di scopo, praticamente universale. La differenza è che mentre i privati investirebbero solo in quelle zone del Paese dove avrebbero un ritorno economico (le zone più ricche e più popolate del Regno Unito), l’intervento dello Stato garantirebbe l’estensione della nuova rete fino alla più remota località di provincia. Certo costerebbe un po’ di più, ma eviterebbe a lungo termine il fenomeno del digital divide. Ora, ognuno è libero di farsi un’opinione a riguardo, ma non si può certo dire che le due opzioni siano chiare. Il primo vorrebbe affidare la costruzione della “rete elettrica del nuovo millennio” alle imprese private, correndo il pericolo che queste investano solo fin là dove lo ritengano profittevole (come del resto è giusto che sia, almeno per un’impresa privata). L’altro vorrebbe alzare il di circa 10 euro, per tre anni, quello che è il corrispettivo del canone Rai, garantendo però a tutti i cittadini di godere di un diritto che ormai si considera universale (l’accesso al web). E rimanendo sulla questione, che possiamo dire dell’Italia? Da un lato abbiamo il Governo che dice di voler investire nella banda larga, ma all’atto pratico non sa né come, né quando. Dall’altro c’è un’opposizione che troppo spesso si limita a denunciare il presunto ritardo dei lavori o la limitazione degli investimenti, senza comunque offrire valide proposte alternative. Insomma, tutto procede (purtroppo) come di consueto. (A.D. per NL)
24/03/2010 11:43
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
La WPP, colosso nel campo pubblicitario, ha concluso il terzo trimestre dell’anno con una crescita del fatturato del 23,4% (per circa 4 miliardi di euro) in linea con i primi sei mesi del 2016.