Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Un microfono sempre aperto. Gli anni che hanno cambiato la radio in Italia
Il giornalista Davide Camera tratta della “rivoluzione radiofonica” in Italia tra gli anni '60 e '70 che cambiò il panorama mediatico nel nostro paese
Gran Varietà, Alto Gradimento, Supersonic. Titoli di programmi radiofonici che tutti coloro che hanno più di quarant'anni hanno ancora ben impressi nella memoria. Trasmissioni lunghe anche decenni, in un panorama radiofonico, quello a cavallo tra gli anni del boom economico e dei figli dei fiori e gli anni della crisi petrolifera e del movimento studentesco, che hanno contribuito a cambiare la società italiana. Davide Camera, quarantaquattrenne giornalista veneto, in un libro edito da Boopen, affronta con un approccio discorsivo temi sociologicamente pesanti. Non il solito studio sull'epopea delle radio libere - pur essendo ad esse destinata una parte del volume - ma una raccolta di "testimonianze ora preziosissime, come quella dell’indimenticabile Dino Verde, oppure di Maurizio Riganti, funzionario responsabile di molte trasmissioni importanti di quegli anni, ma anche di giornalisti come Alfredo Provenzali e Cesare Palandri", per dirla con l'autore. Un viaggio tra programmi e personaggi che hanno fatto la storia della radiofonia italiana che vale la pena di leggere.
04/07/2008 20:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Il 26 marzo 1927 si firmava una convenzione “tra la Repubblica di San Marino ed il Regno d’Italia per la costruzione e l’esercizio di una ferrovia elettrica San Marino – Rimini e per l’impianto e l’esercizio di una stazione radio telefonica nel territorio di questa Repubblica”.
L'etere piange la scomparsa di due pionieri delle radio e tv libere, rispettivamente nel Piemonte e in Sicilia. A Cuneo è scomparso per un ictus all'età di 68 anni Aldo Regolo.
Milano, aprile 1976: da meno di un anno sono partite le trasmissioni della seconda radio cittadina, Radio Montestella e già ci sono state frizioni nel gruppo fondatore.
Nel'aprile del 1973 nasceva il periodico indipendentista bilingue Su Populu Sardu, su iniziativa, tra gli altri, di Angelo Caria, poeta e scrittore di orientamento marxista.