Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Università e imprese. Startup for beginners: la nuova infografica dell’Università Cusano.
 
Nascono dalla voglia di cambiamento e innovazione le startup degli imprenditori italiani, che trovano applicazione per lo più nei settori del web (49%), dell’ICT (21%), dei servizi (19%), dell’elettronica e dei prodotti di consumo.
Stando ai dati ufficiali dell’Associazione Italia Start-up (piattaforma no profit, fondata nel 2012, formata da imprenditori, investitori, industriali, startupper, enti e aziende che hanno deciso di dare il proprio contributo al processo di cambiamento economico e sociale che l’Italia sta affrontando) e delle Camere di Commercio d’Italia, nello scorso anno sono stati investiti più di 110 milioni di euro nel settore, e ben 1554 società si sono iscritte al Registro delle Imprese, nella sezione startup innovative. Questi numeri sono destinati a crescere nel 2014, fornendo nuove opportunità lavorative per i giovani neolaureati, che spesso faticano a trovare un’occupazione. L’Italia dunque aumenta la sua competitività, inserendosi tra le più importanti realtà mondiali, impegnate nella cultura imprenditoriale (quali Stati Uniti, Inghilterra e Germania). Nasce da questa voglia di innovazione continua il progetto promosso dalla Facoltà di Economia dell’Università Niccolò Cusano. La nuova infografica, Startup for beginners, dedicata ai protagonisti e alle istituzioni che compongono l’ecosistema startup, è stata realizzata per far fronte alle difficoltà e al disorientamento di chi oggi volesse avviare (o abbia già avviato) un progetto d’impresa ad alto contenuto tecnologico, rendendo noti tutti i passaggi da seguire e i soggetti da coinvolgere per ottenere i finanziamenti, generare reddito e infine portare la startup ad un exit. Società neonate come Amc Instruments (attiva nella ricerca biologica e meccatronica), Jobrapido (fondata da Vito lo Mele, famosa per il portale dedicato agli annunci di lavoro), Viamente (operante nel settore della logistica e dei trasporti) e Creabilis (che si occupa di biotecnologie), devono il loro attuale successo all’impegno degli incubatori – veri e propri laboratori specializzati che aiutano gli imprenditori a capire come sviluppare il loro progetto -. “Se le piccole e medie imprese italiane perdono ogni anno migliaia di posti di lavoro e faticano a restare a galla, perché schiacciate da una burocrazia contorta e da una pressione fiscale ai massimi storici, le startup possono usufruire dei vantaggi fiscali previsti dal decreto Sviluppo Bis del Governo Monti. Non solo: pur rappresentando circa il 2% dell’universo produttivo italiano, le startup creano più occupazione delle imprese tradizionali per i giovani e in questo modo contribuiscono alla crescita economica” spiega lo staff dell’università telematica Unicusano. L’infografica, che rappresenta un’ottima risorsa per chiunque volesse intraprendere lo sviluppo di una cultura “startup oriented”, è disponibile al link http://www.unicusano.it/blog/universita/startup-for-beginners. (V.R. per NL)
 
13/03/2014 13:50
 
NOTIZIE CORRELATE
«Il problema merita di essere affrontato in modo più ampio, nazionale, ma non mi pare che sia nel calendario del governo».
Il network provider interregionale Start-Up interromperà le trasmissioni a partire dal 31/12/2015. Impossibile proseguire, stante la grave situazione venutasi a creare, come spiega un lungo e duro comunicato inviatoci oggi, che di seguito pubblichiamo.
Nel primo semestre del 2015, sono state 726 le richieste presentate all’Antitrust per ottenere il Rating di legalità, lo “strumento premiale” assegnato alle imprese virtuose in base alla legge (n.62/2012).
Con decreto del 30 gennaio 2014 sono state fissate le modalità di attuazione degli incentivi fiscali all’investimento in start-up innovative.
Per ogni impresa, riuscire oggi a mantenere elevati livelli di competitività richiede, inevitabilmente, un forte impegno su vari fronti.