Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Wall Street Journal. Nuova redazione e strategie aggressive per conquistare New York
New York. Newscorp ha annunciato che dal prossimo 12 aprile arricchirà il proprio Wall Street Journal con un supplemento di 12 pagine su cronaca locale, politica cittadina e statale, sport e spettacolo.
Si tratta di una notizia che ha fatto il giro del mondo in meno di 24 ore, non solo perché oggigiorno internet permette di essere tanto rapidi, ma anche perché le intenzioni di Rupert Murdoch sembrano ancora più aggressive del solito. L’attacco che lo squalo dell’editoria si sta preparando a sferrare alla grey lady newyorchese (la signora in grigio, così viene soprannominato il Times, nella grande mela, per via del suo noto atteggiamento presuntuoso) ha la volontà di “uccidere il giornale concorrente”. Con queste precise parole lo stesso Times ha testimoniato la sfida lanciata dal tycoon australiano, preparando la miglior difesa possibile e costruendo una campagna pubblicitaria diretta non tanto ai lettori, quanto piuttosto agli investitori. L’invito è, infatti, quello di riconoscere al Times il primato del livello di reddito, il primato dei lettori donna, il primato (oggi fondamentale) degli utenti digitali, a dispetto dell’indiscusso successo del WSJ. Insomma, il Times ha le gambe tremanti e sa che Murdoch non risparmierà colpi pur di annullare le redazioni che occupano il grattacielo di Renzo Piano. Parallelamente però, alcuni soggetti tra i vertici del WSJ non avrebbero completamente gradito la mossa del tycoon australiano perché preoccupati dalla reazione del lettore comune del popolare giornale finanziario, all’introduzione della redazione locale. Insomma, siamo sicuri che i professionisti che si affidano agli aggiornamenti del WSJ gradiscano l’inserimento di un supplemento locale che, di fatto, potrebbe rendere un po’ generalista un quotidiano che ha basato il proprio successo proprio sul non esserlo mai stato? E’ proprio di questo che qualcuno si starebbe preoccupando pur considerando necessario proseguire la sfida con il Times per il predominio delle notizie, almeno nella città della grande mela. Quanto invece alla nuova redazione generalista del WSJ sarà composta 35 elementi, tutti provenienti dal defunto New York Sun, una delle tante testate che non ha saputo resistere alla recente crisi editoriale. (M.M. per NL)
24/03/2010 11:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
Il giornalista, professione ambita da tanti destinati alla disoccupazione, e’ la peggiore al mondo, insieme a militari e boscaioli.
“Da azionista ho le preoccupazioni di tutti, abbiamo visto la situazione del Corriere… Ma Mondadori non ha i debiti di Rcs e non deve vendere periodici come ha fatto il Corriere, ma è un momento di crisi preoccupante”.
Il colosso dei media News Corporation, di proprieta' di Ruport Murdoch, ha annunciato di aver acquistato per 415 milioni di sterline (o 490 milioni di euro) la societa' di produzione britannica Shine, di proprieta' della figlia dello stesso Murdoch, Elisabeth.