Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Agcom: Whatsapp paghi il pedaggio agli operatori di rete

In violazione con le norme del buon senso, oltre che della neutralità di rete, Agcom avanza, in seguito ad un’indagine conoscitiva, la proposta di imporre alle app di messaggistica un dazio da pagare agli operatori di rete, per il trasporto dei dati e l’utilizzo dei numeri di telefono.
Agcom punta il dito contro le applicazioni di messaggistica come Whatsapp e discute una proposta che imponga a queste un “obbligo a negoziare” con gli operatori tlc una somma da corrispondergli in cambio del trasporto sulla rete e l’utilizzo dei numeri di telefono che sono proprietà degli operatori. Antonio Preto, relatore dell’indagine conoscitiva condotta dall’authority, sostiene che i proprietari di queste applicazioni dovrebbero sostanzialmente pagare un pedaggio “equo, proporzionato, non discriminatorio” in modo da non rischiare di schiacciare i player meno potenti e lasciare mercati in mano ai colossi come Facebook. Il problema della proposta sta nella palese violazione delle norme sulla neutralità di rete, approvate dal Parlamento Europeo sul finire dello scorso ottobre e che, sostanzialmente, impongono alle telco di trattare tutto il traffico internet nello stesso modo e vietano categoricamente di discriminare i contenuti offerti dal web; ovviamente, se ne può dedurre che a nessuna delle applicazioni di messaggistica possa essere precluso l’accesso al mercato, anche rifiutandosi di corrispondere un pagamento al provider. Inoltre, essendo l’Italia sostanzialmente l’unico paese ad avanzare una simile proposta, questi servizi potrebbero semplicemente abbandonare il nostro paese e risolvere quindi il problema a monte. Nella proposta, si legge inoltre che ai gestori delle applicazioni sarebbe permesso di accedere alla possibilità di effettuare addebiti diretti sul credito telefonico, spingendo di fatto verso un modello freemium che non è proprio di tutte le app di messaggistica (ad esempio Whatsapp è ormai completamente gratuita). (E.V. per NL)

29/06/2016 07:11
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Attraverso il provvedimento in titolo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha fissato le misure della contribuzione dovute per l’anno 2017 dai soggetti operanti nei settori delle comunicazioni elettroniche e dei servizi di media, nonché le modalità di versamento e il modello telematico per la dichiarazione dei dati (che sarà pubblicato con successivo provvedimento).