Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Con abbonamenti annui in crescita del 20%, Netflix avvia il countdown per il debutto francese
Con quasi 48 milioni di utenti in tutto il mondo e con una diffusione in ben quaranta Paesi che hanno già il servizio cinema in streaming, Netflix sta pianificando i passi concreti da compiere per lo sbarco in Francia.
Come annunciato mesi fa da questo periodico e come confermato dalle indiscrezioni della stampa d’oltralpe che circolano in queste ore, il gigante americano dei film e delle serie tv fruibili in streaming da casa dovrebbe essere disponibile a metà settembre, in tempo per la ripresa delle scuole. Le Figaro ipotizza anche un costo, che si aggira attorno ai dieci euro al mese. E proprio l’offerta a prezzi contenuti risulta essere un pilastro su cui si basa il canale americano: il primo pacchetto in Francia sarà compreso tra i 7.99 e gli 11.99 euro, a seconda che si vogliano vedere i contenuti in bassa o alta definizione, su uno o più schermi. Netflix inoltre, ha espresso la volontà di avviare produzioni locali, in modo da conquistare i gusti dei telespettatori e da attirarne di nuovi: a Marsiglia sono già partite le riprese per una nuova serie , che però non verrà distribuita prima del 2015. Per le produzioni internazionali il budget stanziato è di un mld di dollari, oltre a un altro miliardo solo per i titoli americani. Terzo e ultimo pilastro dell’espansione europea del servizio di streaming statunitense restano le produzioni originali come le nuove stagioni di Orange is the new black, Fargo e From dusk till Town. L'Italia, purtroppo, resta ancora in attesa: qualche mese fa erano circolate voci circa un possibile arrivo entro il 2014, ma il silenzio assordante che ne è seguito non lascia ben sperare (le trattative francesi hanno infatti richiesto mesi e sono state svolte completamente "alla luce del sole"). (V.R. per NL)
 
 
20/06/2014 15:15
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
Netflix da record nel 2016, nonostante gli scetticismi provenienti da alcune fonti, alla fine il gigante californiano ha chiuso l’ultimo trimestre dell’anno trascorso con i conti in regola (anche in borsa) e un parco utenti che sale vertiginosamente, avvicinandosi sempre di più alla quota dei 100 milioni.