Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web e radio digitale: Pandora, la via USA alla nuova radiofonia
How we are redefining radio”: così recita il titolo di uno dei capoversi del dossier di presentazione che “Pandora – internet radio” ha preparato per il suo ingresso in borsa alla SEC, l'autorità di controllo statunitense.
E Pandora in effetti ha tutte le carte in regola per rappresentare uno dei più interessanti esperimenti di ibridazione dei media: una stazione radio che sfrutta tutte le caratteristiche innovative e gli strumenti della rete, proponendosi come possibile modello evolutivo della radiofonia sul web. Se la maggior parte delle web-radio si limita a trasferire sulla rete i contenuti e le strutture comunicative proprie della radiofonia via etere, la strategia di Pandora si basa invece sulla piena contaminazione dei media, nel tentativo di ridefinire il paradigma radiofonico senza rinunciare alle caratteristiche che ne hanno decretato il successo, immutato negli anni nonostante le continue evoluzioni tecnologiche. Innanzitutto internet, con la sua caratteristica di medium bidirezionale e interattivo, offre la possibilità di approfondire quel rapporto fortemente personale che i radioascoltatori instaurano con la loro stazione radio preferita. Così è possibile andare oltre i limiti del broadcasting per costruire canali personalizzati e flessibili, modulati sui gusti e le inclinazioni di ogni utente. A tal fine Pandora ha costruito un sofisticato sistema di memorizzazione e analisi dei brani musicali, ambiziosamente definito “Music Genome Project”: un enorme database (800.000 elementi, in continua crescita) in cui ogni brano viene classificato secondo una serie di parametri (ben 480, che spaziano dai tratti melodici e armonici fino al ritmo e al testo delle canzoni), sul quale agiscono algoritmi matematici e di data mining che, in base alle preferenze dell'utente monitorate da un sistema di feedback, riescono a confezionare playlist musicali con un altissimo grado di personalizzazione. Non poteva poi mancare l'attenzione all'ulteriore e fondamentale elemento per cui la radio si è sempre rivelata vincente nei confronti degli altri media: la pervasività, ovvero la sua capacità di fare da colonna sonora alla vita delle persone, accompagnandone l'attività quotidiana nelle situazioni più diverse senza per questo impegnarne l'attenzione in modo esclusivo. Ecco allora che diventa fondamentale per l'emittente essere in grado di proporsi attraverso ogni tipo di dispositivo mobile. L'avvento di smartphone, tablet PC, ricevitori radio-TV connessi alla rete, automobili intelligenti e così via, permette ora alle web-radio un ritorno all'etere che dà la possibilità di coniugare l'interattività con la libertà di fruizione tipica delle vecchie emittenti. E così Pandora si è costruita il suo ecosistema di distribuzione multicanale diffondendo le proprie applicazioni client su IPhone, Ipad, Windows Mobile ecc. e stringendo accordi di collaborazione con case automobilistiche, produttori di smartphone e apparecchi di elettronica di consumo. Il progetto di Pandora sembra quindi essere frutto di un'efficace analisi dei fattori che in passato hanno decretato il successo del medium radiofonico, coniugata con un approccio rigorosamente scientifico-tecnologico pienamente aderente alla visione del mondo veicolata dai nuovi grandi fratelli della rete. Gli ascoltatori sembrano gradire, se è vero che Pandora può contare su 80 milioni di utenti registrati (solo negli USA) che sono stati in grado di creare qualcosa come 1,4 miliardi di stazioni personali e hanno scaricato più di 50 milioni di copie dell'applicazione per smartphone. Numeri importanti per attirare gli investimenti pubblicitari, che inevitabilmente determineranno i futuri destini dell'internet radio. (E.D. per NL)
20/02/2011 18:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Dibattito acceso su una pagina Facebook dedicata agli operatori radiofonici dopo la pubblicazione di un sommario report dei dati d’ascolto delle web radio di RadioMediaset (polo radiofonico del Biscione cui fanno riferimento le emittenti nazionali Radio 105, Virgin e R 101) accessibili (fino a quel momento) su una sezione specifica del portale United Music, che gestisce il pool di web radio.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.