Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Facebook: in arrivo mini spot per i video

Zuckerberg, sfruttando un sistema già usato da YouTube con grandi risultati, nei prossimi mesi avrebbe intenzione di pubblicare inserzioni pubblicitarie all'interno dei contenuti video di Facebook.
Mancano ancora conferme e comunicati ufficiali da Menlo Park, ma secondo le indiscrezioni, per incentivare la produzione di video coinvolgenti e di qualità ed evitare allo stesso tempo l'abbandono da spot, le inserzioni compariranno dopo almeno 20 secondi di riproduzione e solo all'interno di video della durata minima di 30 secondi. Agli editori, come avviene già con YouTube e Google, dovrebbe andare circa il 55% dei ricavi della raccolta pubblicitaria, mentre il rimanente 45% spetterebbe all'azienda californiana. Questa svolta all'interno del famoso social network sarebbe la conferma della volontà di Zuckerberg di investire sul video advertising e creare un business model con il contributo degli utenti. Secondo i dati forniti da Facebook all'inizio del 2016, sulla piattaforma ogni giorno vengono visualizzate circa 100 milioni di ore di video e ogni mese gli utenti attivi sono circa 1,71 miliardi. (M.R. per NL)

12/01/2017 15:13
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.