Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Facebook motore di ricerca per le news: addio copia e incolla

È in fase di test la nuova funzione del social network che permetterà di arricchire l'aggiornamento dei propri post: cliccando sul nuovo bottone "aggiungi un link", sarà possibile cercare una notizia direttamente sulla piattaforma, senza passare da Google.
Mark Zuckerberg saluta la vecchia funzione “copia e incolla”: a breve aggiungere un link a un aggiornamento di Facebook potrebbe essere molto più semplice. Secondo le indiscrezioni riportate dal blog TechCrunch infatti, accanto alle attuali funzioni per caricare una foto o un video, taggare gli amici, geolocalizzarsi o assegnare un'emozione al proprio status, il social network starebbe testando un nuovo e geniale bottone. Si chiamerà "Add a link (Aggiungi un link)" e il suo punto di forza sarà proprio la modalità tramite cui sarà possibile aggiungere il collegamento a un sito esterno alla piattaforma. Basterà infatti fare una ricerca interna, esattamente come faremmo su Google, e la nuova funzione restituirà un elenco di contenuti affini, che potranno essere allegati al proprio post e mostrati a tutti gli amici. E da Facebook non sono mancate le conferme, come riporta un articolo di domenica 10 maggio, apparso sul sito di Repubblica: "Stiamo testando un nuovo modo di aggiungere un link ai post o ai commenti", si sono limitati a spiegare da Menlo Park con la riservatezza che contraddistingue il gruppo. Al momento però non sono ancora chiari gli algoritmi che decideranno il ranking delle notizie, cioè quali articoli spunteranno per primi una volta lanciata la query. La strategia architettata punta a realizzare un personale e sterminato database interno, già forte di miliardi di articoli indicizzati e in generale di contenuti condivisibili dal miliardo e mezzo di utenti: un vero e proprio motore di ricerca insomma, che appare come un tassello importante nella nuova strategia editoriale di Mark Zuckerberg, quella di pubblicare i contenuti giornalistici direttamente sulla piattaforma in cambio dei ricavi pubblicitari. Se si pensa che, negli Usa, quasi il 60% del traffico sui siti delle testate arriva dai social network, specie da Facebook, si capisce l'importanza della novità, e la delicatezza della strada tracciata dall'ex enfant prodige di Harvard e dai suoi manager per il mondo editoriale. D'altra parte, al di là degli accordi con gli editori, l'ennesima novità di Facebook – il servizio si chiamerà “Instant Articles” - scommetterà sull'equivalenza Facebook-internet, puntando cioè a trattenere gli utenti sulla piattaforma, fornendo loro un buon numero di servizi che fino a ieri erano abituati a googlare in giro per la rete, notizie comprese. Sullo sfondo di questa integrazione aleggia ovviamente la durissima battaglia per il predominio pubblicitario online. Come noto, la proposta del social agli editori - già siglata con National Geographic, BuzzFeed e New York Times - prevede che quest'ultimi incassino tutta la pubblicità che riusciranno a vendere negli spazi di Facebook, mentre la piattaforma tratterrà il 30% dei ricavi dell'advertising che riuscirà a piazzare per proprio conto, sfruttando quegli stessi contenuti ceduti da giornali e magazine. (V.R. per NL)

12/05/2015 10:00
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.