Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Facebook tenta di rimanere l’ultimo social network

Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Un esempio potrebbe essere quello di Instagram, il social basato sulle immagini e acquistato da Zuckerberg per 1 mld di dollari nel 2012; oggi Instagram è praticamente una sorta di appendice di Facebook, con il quale dialoga al fine, soprattutto, di condividere l’immenso parco utenti. Se per Instagram la pratica è stata relativamente facile (a parte la noia di sborsare 1 mld di dollari, beninteso) più problematica si sta rivelando la questione Snapchat: i creatori del social del fantasmino, che ha debuttato in borsa con una valutazione di 22,2 mld di dollari, hanno già rifiutato qualche anno fa l’importante cifra di 3 mld di dollari (il triplo di quanto offerto per Instagram) per vendere l’attività a Facebook, che non ha reagito proprio bene. Se, infatti, i proprietari non vogliono vendere, la strategia del social in blu è diventata, negli scorsi mesi, abbastanza evidente (oltre che discutibile): fare le stesse cose fatte dal concorrente, sfruttando una mole di utenti nettamente più grande per cannibalizzarlo. Lo scorso agosto, infatti, Instagram ha fatto debuttare IG Stories, cioè la possibilità di raccontare piccole storie attraverso foto e video: praticamente la stessa cosa che è il core di Snapchat. Il grafico in figura, mostra in maniera abbastanza evidente come da luglio-agosto 2016 gli utenti del fantasmino siano crollati, mentre IG stories è, ad oggi, arrivata a circa 150 mln di utenti al giorno. Recentemente, Zuckerberg ha deciso di mettere a segno un altro colpo, facendo debuttare le stories della durata di 24 ore anche su Facebook attraverso un aggiornamento dell’applicazione per smartphone ed è prevedibile come questa mossa possa portare Snapchat sulla strada di un’agonizzante morte, visto che Facebook dispone di una massa critica nettamente più voluminosa, che consente di attirare gli utenti della rivale semplicemente fornendo lo stesso servizio. Oltre a Snapchat, i social più diffusi che rimangono sono Twitter e lo sfortunato Google +; il primo è già in crisi, vista l’evidente difficoltà nel monetizzare l’utenza e sarà, probabilmente, il prossimo bersaglio di Facebook quando anche Snapchat sarà tracollato. Su questo fronte, non sarebbe una sorpresa se anche Google si dovesse muovere per acquisire Twitter al momento opportuno, in modo da avere anche lei una possibilità reale di attaccare Facebook sul suo campo da gioco, come Facebook stessa sta facendo con i video. Per quello che riguarda Google +, invece, lo si può etichettare come uno dei rarissimi fallimenti di Mountain View, che però ha due vantaggi strategici: la possibilità di attirare imprese fornendo un miglioramento nell’indicizzazione dei propri contenuti in cambio e il fatto di fare capo a quella che, ancora oggi, è la web company più grande al mondo. (E.V. per NL)
27/02/2017 10:11
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
La compagnia del fantasmino ha fissato la valutazione in merito alla sua quotazione in Borsa prevista per marzo 2017: il range previsto dovrebbe aggirarsi tra 19,5 miliardi e 22,2 miliardi di dollari (ovvero 18,3 e 20,8 miliardi di euro) stimato su un prezzo indicativo per azione di 14/16 dollari (13,1/15 euro).