Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Google, evasione di 98,2 mln secondo la Procura di Milano. Possibile rinvio a giudizio per 5 manager

Dopo la conclusione delle indagini, la Procura di Milano ha quantificato l’evasione fiscale di Google in 98,2 milioni di euro. Si va verso il rinvio a giudizio per i 5 manager indagati. Ancora aperte le trattative con l’Agenzia delle Entrate.
Google riceve il conto definitivo dalla Procura di Milano: si tratta di 98,2 milioni di euro di imponibile Ires che non sarebbero stati pagati dal gruppo tra il 2009 e il 2013. Un saldo decisamente più basso di quanto inizialmente ipotizzato dalla Guardia di Finanza (227 milioni di euro); il motivo è che non sono risultate contestabili le evasioni sulla ritenuta d’acconto e quella ai fini Irap. Le modalità con cui Google avrebbe aggirato il pagamento delle imposte sarebbero le stesse contestate a suo tempo dalla Gran Bretagna (dove ci si è accordati per una “mini” multa da 172 milioni euro) e in questi giorni in Francia, che ha presentato al colosso del web un conto da 1,6 miliardi di euro. I ricavi realizzati in questi paesi sarebbero stati trasformati in royalties imputabili a Google Ireland, visto che l’isola offre un regime fiscale molto più vantaggioso (12,5% contro il 27,5% nostrano). Per i 5 manager indagati, dipendenti della sede italiana e irlandese, si potrebbe prospettare il rinvio a giudizio per “omessa dichiarazione dei redditi”. L’ultima partita aperta, quella decisiva, è la trattativa con l’Agenzia delle Entrate: si potrebbe, infatti, arrivare ad un accordo simile a quello raggiunto in Gran Bretagna. C’è da dire che, come oltremanica è stata Google ad uscirne favorita (la multa impostagli è stata ben inferiore all’importo originario contestato), anche in Italia potrebbe accadere lo stesso; resta da vedere chi tra inglesi, italiani e francesi tratterà il caso con maggior indulgenza. (G.C. per NL)

03/03/2016 11:49
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.