Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Internet non fa paura ai genitori italiani, inconsapevoli dei rischi dei social network
Il mondo del web non preoccupa molto i genitori, soprattutto italiani, forse inconsapevoli delle insidie a cui internet espone i loro figli.
E’ quanto emerge da una ricerca condotta dal network EU Kids Online mediante interviste a ragazzi di 25 paesi europei, di età compresa tra i 9 e i 16 anni, e a loro genitori. L’indagine, presentata lo scorso 7 febbraio per il Safer Internet Day, ha analizzato i principali rischi di internet, come la pornografia, il cyber bullismo, gli incontri virtuali e faccia a faccia con persone conosciute sulla rete, la ricezione di messaggi a sfondo sessuale, la diffusione e fruizione di UGC (User Generated Content) potenzialmente dannosi, l’uso improprio di dati personali. Dalla ricerca - finanziata dal Safer Internet Programme della Commissione Europea e coordinata della London School of Economics and Political Science - emerge che il 57% dei ragazzi ha un profilo su un social network, che 6 ragazzi su 10 naviga quasi tutti i giorni e che il 70% dei genitori ha fiducia nelle capacità di autodifesa dei propri ragazzi, il 39% dei quali, però, non prende in considerazione i consigli di mamma e papà. Ancora più fiduciosi, o forse più incoscienti dei rischi, i genitori italiani, l’82% dei quali ha dichiarato di ritenere improbabile che il proprio figlio possa imbattersi on line in una situazione spiacevole. Come riportato sul Corriere della Sera (edizione 08/02), secondo Giovanna Mascheroni, referente nazionale del progetto Eu Kids Online e ricercatrice di Osscom (Osservatorio sui media e la comunicazione dell'Università Cattolica di Milano), “quello che più ci allontana dal resto d’Europa è proprio la convinzione che su internet non possa capitare nulla di male”. Inoltre, spiega la ricercatrice “molti genitori sovrastimano i rischi legati alla pornografia e ne ignorano altri come il bullismo online (…), giudicato esperienza molto dolorosa dai due terzi dei ragazzi”. Serve dunque maggiore consapevolezza da parte dei genitori dei pericoli della rete, il che implica necessariamente una loro maggiore conoscenza del web. Ma non basta. Occorrono anche interventi governativi per una maggiore tutela dei giovani. Spiega in merito al Corriere della Sera il direttore della polizia postale, Antonio Apruzzese, che nel nostro paese “sistemi di controllo parentale esistono da anni ma non c’è una grande cultura (…) soprattutto per i social network”. (D.A. per NL)
11/02/2012 17:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.