Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Sicurezza informatica, parte Cyber Europe 2014
 
Sono più di 200 le organizzazioni coinvolte nell'esercitazione europea Cyber Europe 2014 (CE2014), che coinvolge attori pubblici e privati nella gestione di potenziali scenari critici per la sicurezza informatica.
L'esercitazione è organizzata con frequenza biennale dall'Agenzia europea ENISA in collaborazione con tutti gli Stati membri dell'UE e con l’European Free Trade Association (EFTA). Rispetto alle due precedenti esercitazioni, realizzate nel 2010 e 2012, Cyber Europe 2014 è notevolmente cresciuta in portata e complessità, con l’obiettivo di potenziare le capacità a livello nazionale, sperimentare procedure di cooperazione per la gestione di attacchi cyber in Europa, esplorare la cooperazione esistente tra il settore pubblico e privato e analizzare i processi di escalation e de-escalation degli incidenti. Cyber Europe 2014 si articolerà in tre fasi: la prima tecnica (al momento in corso), a cui seguiranno nel corso dell'anno, la seconda tattico-operativa, la terza politico-strategica. In questa prima fase, i partecipanti sono chiamati a risolvere diversi eventi di cybersecurity, che prendono spunto da casi reali. Come nelle precedenti edizioni, l’Italia sta partecipando attivamente a Cyber Europe 2014. Sotto l’egida della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dello Sviluppo Economico – con l’Istituto Superiore delle comunicazioni - ha infatti coordinato le attività di pianificazione e di preparazione della prima fase dell’Esercitazione in ambito nazionale e sta agendo come moderatore supportando i player durante lo svolgimento, in stretta collaborazione con l’Agenzia europea ENISA. In questo momento 11 Organizzazioni pubbliche e private italiane, per un totale di circa 50 esperti tecnici nel settore della sicurezza informatica, stanno affrontando le diverse prove tecniche della prima fase dell’Esercitazione. (E.G. per NL)
01/05/2014 15:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
A ottobre i siti dei più importanti operatori televisivi hanno avuto un incremento di utenti giornalieri. Secondo i dati Audiweb, rispetto al mese di settembre c’è stato un +1,7% con 20,4 milioni di utenti connessi da mobile e 10,7 milioni da pc.