Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Twitter più sicuro che mai: continua la lotta alle fake news

Continua la lotta contro le notizie false presenti sul web e questa volta è Twitter a fare notizia. La compagnia del famoso uccellino blu (nel 2013 il social network ha superato i 230 milioni di utenti attivi al mese) ha dichiarato che nei prossimi giorni darà il suo contributo nel contrastare il fenomeno, apportando serie modifiche al servizio.
Lavoriamo sodo per rendere Twitter più sicuro”, così si è espressa la compagnia martedì 7 febbraio pubblicando un post in bacheca e informando tutti gli utenti in merito ai provvedimenti che il social network intende assumere e su cui ha intenzione di lavorare nel breve termine. Eliminazione degli account abusivi, miglioramento del motore di ricerca, “oscuramento” dei tweet considerati di bassa qualità e divieto di creazione di nuovi account per gli utenti bannati in precedenza; queste le novità da introdurre e su cui costruire un vero e proprio scudo contro le “fake news” con l’obiettivo di rendere maggiormente sicuro e affidabile l’intero servizio di microblogging. Già nel 2016 la compagnia aveva introdotto la possibilità di verificare l’affidabilità e la veridicità degli account tramite la compilazione di un form online e previa possessione di specifici requisiti (account di interesse pubblico e presenza di due fonti online in grado di fare da “garante”) in cambio della famosa spunta blu. Ma Twitter continua a “cinguettare”: l’intenzione è quella di migliorare il motore di ricerca in modo che elimini i risultati che presentano contenuti fasulli o di bassa qualità e che impedisca, a chi ha un account Twitter già bloccato e segnalato da altri utenti, di crearne altri in difesa di chi si vede danneggiato a causa di account utilizzati in maniera poco adeguata. Per i tweet provenienti da account già esistenti sul sito e precedentemente bannati, invece, si cercherà di penalizzare la loro visibilità inserendoli in una posizione di margine sulla bacheca delle notizie. “Rendere Twitter più sicuro è la nostra priorità. Siamo a favore della libertà di espressione per consentire alle persone di valutare ogni aspetto di un determinato argomento” precisa il social network continuando insieme agli altri colossi del web Facebook e Google la battaglia contro le fake news, diventata ormai battaglia di tutti. (L.M. per NL)

09/02/2017 14:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.